Zeme: servono otto iscrizioni per il sogno-asilo, sabato 29 c’è l’open day

ZEME – Servono almeno 8 adesioni. Se fossero meno sarebbe un nulla di fatto, e tramonterebbe per sempre il sogno della scuola materna e, tra qualche anno, anche quello di mantenere aperte le elementari. Se fossero di più sarebbe un grande successo. La giornata decisiva sarà quella di sabato 29 maggio. Il secondo open day si terrà dalle 9 alle 12. I bambini potranno conoscere le insegnanti Alice e Lucia, giocare, divertirsi. Non per niente la mattinata si chiama “Un giorno a colori”. L’incontro più importante però si terrà nell’altra stanza, sempre negli spazi che già ospitavano la scuola materna prima che chiudesse nel 2015, in vicolo Scuole. Dalle 10 i genitori dovranno decidere se effettuare l’iscrizione, o meno. Non ci sarà più tempo per farlo dopo. “Raccogliendo le adesioni – dice il sindaco Massimo Saronni (nella foto) – sapremo già quasi in tempo reale se quello dell’asilo sarà rimasto solo un piccolo sogno inutile, o se potrà trasformarsi in realtà creando poi un bacino di bambini fondamentale per mantenere anche la scuola primaria”. Secondo i piani dell’amministrazione comunale il nuovo asilo, se sorgesse, sarebbe gestito dalla cooperativa sociale Start, che già si occupa dell’asilo Regina Pacis di Mortara e sta per aprire la prima scuola paritaria in città, da settembre. Si è scelta la paritaria per via dei costi contenuti. Si punta anche ad attirare qualche bambino dal vicinato,

Valle, Olevano, Velezzo, Castello d’Agogna. Mortara. “L’offerta formativa – prosegue il sindaco – è in grado di intercettare i bisogni del territorio. Se non è comoda per tutti, sicuramente sarà valida e a prezzi accessibili”. Al primo open day di febbraio avevano partecipato dieci famiglie. Avranno ancora una decina di giorni per convincersi del tutto, se proprio Zeme sarà il futuro quotidiano dei propri figli.

Davide Maniaci