Zeme: Motoadunata per l’asilo con i Crazy Fast Bikers a settembre

ZEME - Passione, amicizia e divertimento sono le parole d’ordine della Motoadunata benefica dell’associazione di motociclisti “Crazy Fast Bikers” domenica 11 settembre a Zeme. Tutto il ricavato dell’evento verrà devoluto alla scuola dell’infanzia Regina Pacis, l’asilo che il sindaco Massimo Saronni ha riaperto lo scorso anno dopo quattro anni in cui il paese era rimasto senza, riportandolo così a realtà da vivere, con un servizio come la scuola dell’infanzia assolutamente necessario per le famiglie. L’idea della Motoadunata benefica a Zeme nasce grazie ad alcune circostanze davvero fortuite. La moglie di Mirko Giglioli, presidente dell’associazione Crazy Fast Bikers, è un’educatrice che lavora per la cooperativa che gestisce la scuola Regina Pacis che ha aperto la sezione distaccata a Zeme. Da qui il passo è stato veramente breve. Mirko Giglioli ha parlato con il sindaco e con l’assessore all’istruzione Federica Pagani, e l’idea della Motoadunata benefica è stata accolta subito con grande favore dall’amministrazione. “Dopo quattro anni di chiusura della scuola dell’infanzia di Zeme - dichiara il sindaco Massimo Saronni (nelle foto) - la mia amministrazione ha voluto fortemente riaprire una sezione l’anno scorso, perché innanzitutto è fondamentale garantire questo servizio alle famiglie, e inoltre la scuola dell’infanzia è la fonte primaria per mantenere attiva a Zeme anche la scuola elementare. Sono stati 15 gli iscritti al primo anno della scuola dell’infanzia l’anno scorso, e ci aggiriamo intorno alla stessa cifra anche per l’anno scolastico che inizierà a settembre. La riapertura della scuola ha comportato e comporta tuttora un’importante spesa economica a carico dell’amministrazione comunale. Offriamo pasti gratuiti a tutti gli iscritti, anche ai non residenti, e in più sosteniamo economicamente la cooperativa che gestisce la scuola. Per cui ogni aiuto che arriva dall’esterno è sempre ben accetto”. “Sappiamo anche noi - conferma Mirko Giglioli, presidente dell’associazione Crazy Fast Bikers - i sacrifici che il Comune di Zeme sta sostenendo. Abbiamo deciso quest’anno di fare qui la nostra prima Motoadunata benefica, e vogliamo che tutto il ricavato venga devoluto alla scuola dell’infanzia di Zeme”. Senza ombra di dubbio, dopo questa prima edizione ce ne saranno delle altre, e c’è l’intenzione da parte di tutti gli attori in campo di riproporre l’evento con cadenza annuale. “Nella giornata di domenica 11 settembre - aggiunge Saronni - ci verrà dato anche un aiuto concreto da parte del comitato di Pavia della Croce rossa, che collabora spesso con il Comune di Zeme da quando io sono sindaco”. Il programma della giornata è molto ampio. Il ritrovo è previsto alle ore 9 e 30 a Zeme, per l’iscrizione e la colazione. Verranno distribuiti alcuni biglietti e, tramite sorteggio, a mezzogiorno saranno assegnati cinque premi. Alle 10 e 30 è prevista la partenza del motogiro per le campagne lomelline, che ha l’obiettivo soprattutto di valorizzare il territorio. Non mancherà, poi, la musica live offerta dalla cover band “Fuori Binario”, l’esposizione di macchine d’epoca e le macchine da rally fornite dallo sponsor Gabbia di Matti. I centauri, infine, metteranno in esposizione le loro moto. La giornata dell’11 settembre sarà dunque all’insegna del divertimento, sia per gli appassionati che per i neofiti, e rappresenta un’occasione di convivialità in cui stare insieme e scoprire le potenzialità di Zeme. È gradita la prenotazione per il pranzo entro venerdì 9 settembre a uno dei seguenti numeri di telefono: 338 4943551 oppure 338 2056157.

Massimiliano Farrell