Vigevano, politica e giornalismo in lutto: è morto Roberto Guarchi, aveva 59 anni

Aggiornamento: 9 giu

VIGEVANO – Una notizia che ha scosso la città. E’ morto Roberto Guarchi. Tutti increduli nel primo pomeriggio di ieri, quando si è sparsa la voce tra l’incredulità generale. Roberto Guarchi si è spento verso le 12 e 30 di martedì 7 giugno, all’ospedale civile.

Nella mattinata di ieri, Guarchi si era regolarmente presentato presso la redazione del “suo” Vigevanese in via Trento. Qui ha accusato un malore e i colleghi hanno immediatamente chiamato i soccorsi. Poi la corsa all’ospedale, ma anche i medici non hanno potuto salvargli la vita. Guarchi era un volto conosciutissimo in città per il suo impegno in politica e nel mondo dell’informazione. Ha militato a lungo nel Partito Comunista Italiano, per poi iscriversi al Partito della Rifondazione Comunista. Dal 1983 al 2010 è stato Consigliere Comunale, mentre negli anni ’90 ha ricoperto anche l’incarico di assessore. Alle ultime elezioni per il rinnovo del consiglio comunale, nel 2020, Roberto Guarchi era il candidato sindaco per la Sinistra “dura e pura”. Era un’autentica colonna de L’Informatore Vigevanese, ha potuto contare della stima e del rispetto anche di chi aveva visioni politiche completamente differenti.

I compagni del Circolo "Hugo Chavez Frias" del Partito della rifondazione comunista, i Giovani comunisti e il Circolo culturale "Rosa Luxemburg rete delle alternative" saluteranno Roberto, comunista, uomo generoso e gentile venerdì 10 giugno presso la Cooperativa Portalupi alle 10. La salma rimarrà esposta fino a oggi, mercoledì 8 giugno, alla Sala del Commiato di Asm in viale Petrarca 68 a Vigevano.

La società editoriale e la redazione de L’Informatore Lomellino si stringono alla famiglia de L’Informatore Vigevanese in questo doloroso momento.