Vigevano con gli occhi a mandorla: al Cairoli arriva il corso linguistico e parlerà cinese

VIGEVANO – Il liceo Cairoli dall’anno prossimo si apre alla globalizzazione e all’internazionalizzazione. Il preside Alberto Panzarasa ha deciso infatti di rinnovare l’offerta formativa della sua scuola e ha dato il via al liceo linguistico con il cinese. Il nuovo indirizzo del Cairoli è una grande opportunità per tutti gli studenti del territorio. La grande differenza sta nella terza lingua: al Cairoli sarà sempre extraeuropea. La scelta vigevanese per l’anno scolastico 2020/2021 è caduta sull’inglese, lo spagnolo e il cinese, ovvero i tre idiomi più parlati al mondo. In futuro si valuterà se aprire le porte anche ad altre lingue extraeuropee, ma per adesso è prematuro. Quello che è certo, invece, è che il nuovo indirizzo vigevanese ha fatto il boom di iscrizioni: a settembre ci saranno ben 49 “primini”, divisi in due sezioni. Un risultato che nemmeno Alberto Panzarasa (nella foto) si sarebbe aspettato per l’anno di inaugurazione. “La prima risposta del territorio è stata buona – commenta soddisfatto il preside del Cairoli – e per i nuovi studenti stiamo valutando la possibilità di offrire mini-stage linguistici in Spagna, oltre che in Inghilterra come facciamo già per le altre sezioni. Introdurremo sicuramente nella proposta didattica ore di lettorato con insegnanti madrelingua cinesi e stiamo lavorando per instaurare rapporti con alcune scuole in Cina per favorire vacanze studio estive e scambi culturali tra studenti. Ovviamente tutto questo quando usciremo dall’emergenza coronavirus”. L’indirizzo vigevanese si pone così come assoluta novità in provincia, con un’offerta formativa diversa da quella proposta all’Omodeo di Mortara. “Conosco bene la realtà mortarese – ci tiene a precisare Alberto Panzarasa – e voglio ribadire il fatto che noi non siamo assolutamente in competizione con il liceo Omodeo, scuola peraltro a me molto cara. L’idea del linguistico al Cairoli è proprio di non replicare un indirizzo identico a quello di Mortara. Non ha senso parlare di concorrenza se le offerte didattiche sono diverse. Tra l’altro, con il liceo mortarese condividiamo già l’indirizzo scientifico e il rapporto è molto sereno: io e la preside Furlano spesso scherziamo insieme, perché ogni anno c’è sempre qualcuno che cambia scuola. C’è chi dal Cairoli va a Mortara e chi invece passa a Vigevano”. È molto meglio fare battute su chi “emigra” da una scuola all’altra piuttosto che fare sterili polemiche sulla concorrenza tra Mortara e Vigevano. La mossa del Cairoli è tutta a vantaggio degli studenti delle scuole medie lomelline, che adesso avranno un’opzione in più.