Via libera da Ats, giovedì le vaccinazioni in Borsa Merci per chi ha più di 60 anni

MORTARA - Missione “vacciniamo tutti gli over 60”. Infatti giovedì prossimo, 8 luglio in Borsa Merci, sarà somministrato il vaccino Janssen di Johnson & Johnson. L’annuncio del sindaco Marco Facchinotti: “non serve la prenotazione, iniziativa aperta anche agli over 60 di altri paesi lomellini”. L’iniziativa è stata Promossa dal direttore di Ats, Mara Azzi, che vuole accelerare l’operazione di immunizzazione delle persone nella fascia d’età più a rischio.

Così giovedì 8 luglio, dalle 10 alle 16 in Borsa Merci a Mortara, ci sarà il “vax-day”: una giornata dedicata alla somministrazione del vaccino anti Covid a tutti gli ultra sessantenni che ancora mancano all’appello. Il tutto senza prenotazione. Basterà infatti recarsi in piazza Trieste muniti di tessera regionale dei servizi per avere l’iniezione di Janssen, prodotto dalla casa farmaceutica Johnson & Johnson. Il siero non richiede un richiamo e il suo effetto è valido con un’unica somministrazione. L’iniziativa sarà realizzata, oltre che su iniziativa di Ats Pavia, anche con la collaborazione del Comune di Mortara e della Camera di Commercio. Secondo le stime di Ats i vaccinati con più di 60 anni sono ancora troppo pochi. Intanto Mortara assumerà il ruolo di “hub” vaccinale in occasione di questa giornata di vaccinazioni senza prenotazione. Non solo gli over 60enni di Mortara, ma anche i residenti di Gambolò, Parona, Cergnago, Ceretto, Nicorvo, Olevano, Albonese, Dorno, Tromello e Castello D’Agogna potranno presentarsi in Borsa Merci. Senza prenotare. “Con questa giornata ATS Pavia - spiega il sindaco Marco Facchinetti - vuole accelerare ulteriormente l’immunizzazione della popolazione che ancora non si è vaccinata. L’attenzione è ovviamente rivolta alla fascia di età più sensibile e a rischio in caso di contagio. Aggiungo con soddisfazione che questa richiesta arrivata dal direttore Mara Azzi dimostra come la nostra città può essere un punto di riferimento per tutto il territorio. Abbiamo le strutture e l’organizzazione adatta per fare da centro vaccinale. Fondamentale è stata la straordinaria esperienza fatta a marzo, quando un’encomiabile macchina della solidarietà aveva permesso la vaccinazione di quasi tutti gli over 80enni di Mortara”.

In quel caso tutto si era svolto grazie ad una grandiosa e coordinata mobilitazione del volontariato. In campo medici di medicina di base, il Comune, il Comitato locale della Croce Rossa, la Pro loco, il Moto club, gli scout e l’Associazione carabinieri in congedo. Questi ultimi, assieme alla Polizia Locale, saranno impegnati anche Giovedì prossimo per agevolare il lavoro che sarà svolto principalmente dal personale messo in campo da Areu.

Luca Degrandi