Via libera al riso italiano in Cina. Daghetta, Cia Lombardia: risultato che premia la filiera

L'Ambasciata italiana a Pechino ha infatti comunicato ieri, 15 aprile, che tutte le riserie italiane che avevano fatto richiesta di esportare in Cina, sono state autorizzate dalle Autorità cinesi competenti, applicando il protocollo siglato tra le due parti l'8 aprile 2020. “Un risultato positivo - ha commentato Giovanni Daghetta (nella foto), presidente di Cia Lombardia e risicoltore pavese - che premia il lungo lavoro di istituzioni, filiera e aziende risicole che si sono messe a disposizione del ministero cinese per favorire la positiva conclusione delle trattative”. Con questo ultimo passaggio è finalmente concluso l’iter che ha portato all’apertura del mercato cinese al riso italiano e gli operatori autorizzati potranno avviare le prime spedizioni verso la Cina. “E' da quasi otto anni che la trattativa va avanti. - prosegue Daghetta - Quindi non possiamo che essere soddisfatti per le nuove opportunità che si apriranno per i risicoltori italiani. Sul mercato cinese l’agroalimentare made in Italy sta infatti suscitando da tempo notevole interesse”.