Una serata-evento per celebrare i primi 50 anni del Corteo storico con le sei contrade

Una serata per celebrare 50 anni di emozioni. Nasce così una serata che avrà per protagonisti i ricordi, gli aneddoti, le curiosità e i retroscena di 50 anni di Corteo storico. L’appuntamento è fissato per il 25 settembre, quando sul palcoscenico dell’auditorium “Città di Mortara” sarà presentato materiale inedito posseduto da contrade e privati, facendo parlare i protagonisti di tutti i palii susseguitisi nei decenni. Un maxi evento nato in seno al Magistrato delle Contrade che ha affidato la sua realizzazione a due uomini-simbolo della Sagra e del Palio: Roberto Frigerio e Marco Fleba. Accanto a loro, nelle vesti di presentatori, personaggi carismatici, gli interpreti che hanno indossato i panni di Ludovico e Beatrice, le contrade, la corte, gli sbandieratori. Una carrellata tra foto in bianco e nero e ricordi a colori, con uno sguardo ad un futuro radioso. Ogni contributo può aggiungere particolari inattesi. Per questa ragione gli organizzatori invitano i cittadini a contattare il Magistrato delle Contrade per mettere a disposizione ulteriori foto o “cimeli storici”. Poi, restrizioni Covid permettendo, il 25 settembre presso l’auditorium “Città di Mortara” andrà in scena il grande evento. “Era già un’idea che avevamo in mente per il 2020 – spiega Roberto Frigerio – ma che per evidenti motivi non si è potuta concretizzare. Mi sarebbe anche piaciuta realizzare questa serata all’aperto, magari in piazza del Teatro, ma l’aspetto economico e normativo avrebbe reso tutto troppo complicato. Ora da un po’ di tempo ho iniziato a fare ricerche per scovare tutti coloro che negli anni hanno svolto i ruoli di Ludovico e Beatrice per farli intervenire durante la serata. Negli anni ’70 infatti praticamente ogni anno la coppia ducale cambiava, in sostanza fino al lungo periodo di Luigi Pisani e Desirè Scanarotti”. Le informazioni sono reperite soprattutto sui vecchi numeri de L’Informatore Lomellino, vera banca dati degli aneddoti della più recente storia mortarese. L’idea è quella di creare un archivio e uno strumento digitale di consultazione di tutto il materiale reperito. Una raccolta consultabile a tutti delle notizie inerenti al palio e ai suoi protagonisti. “Per ora la scaletta della serata è ancora in fase embrionale – prosegue Roberto Frigerio – non abbiamo ancora definito esattamente cosa accadrà e come accadrà. Abbiamo però già pensato ad alcuni parti immancabili. La serata sarà sicuramente aperta con un omaggio a Nando Pucci Negri (a destra nella foto con lo storico direttore dell'Informatore Lomellino Giancarlo Torti), che è stato il primo presentatore del Palio e ha continuato a farlo per molti anni. Si proseguirà poi con le contrade. Racconteranno diversi aneddoti accaduti durante questi anni. Le varie ‘scene’ saranno presentate da me, Marco Fleba e Marco Facchinotti. Seguirà poi un’intervista condotta da Marco Fleba a Paolo Amisano che per molti anni ha diretto e organizzato il Palio”.

Alla serata parteciperà anche Sandro Passi, altro uomo sagra di lungo corso, che per diversi anni ha fatto la presentazione delle contrade prima che entrassero nell’arena del gioco. Si tratta di un’occasione importante per riflettere su un evento che, nato per gioco e goliardia 50 anni fa, tra i circoli dei bar a cui si riferivano le contrade, è diventato e può diventare un pezzo di storia importante per la nostra cittadina. Ci si augura che molti potranno contribuire attraverso le loro testimonianze e materiali nell’organizzazione, seppur nell’incertezza del tempo futuro.

Vittorio Orsina