Una città sprofondata nel degrado totale: Marco Barbieri all’attacco della giunta

Strade colabrodo, mancanza di decoro urbano, e cura del verde completamente assente. Il consigliere comunale del Partito Democratico Marco Barbieri (nella foto con l'ex Ministro Maurizio Martina) si scaglia duramente contro l’amministrazione leghista, colpevole, secondo il PD, di non aver mai realizzato strategie adeguate. La totale mancanza di una visione a lungo termine e di una programmazione efficace dei lavori pubblici nel corso degli ultimi dieci anni ha condannato la città al totale immobilismo. Nulla è stato fatto per i cittadini dall’attuale amministrazione, è l’accusa del Partito Democratico, che vuole presentarsi l’anno prossimo di fronte agli elettori con un progetto alternativo alla Lega. Meno immagine e più sostanza è quello che chiedono i consiglieri del centrosinistra.

“L’attuale amministrazione leghista – dichiara Marco Barbieri, consigliere d’opposizione – ha continuato a rimandare di anno in anno nei vari Documenti Unici di Programmazione i lavori pubblici promessi in campagna elettorale e mai realizzati. È una presa in giro intollerabile nei confronti dei cittadini. La cura del verde, la manutenzione delle strade e il decoro urbano sono completamente assenti. Come se ciò non bastasse, la gestione del bilancio è davvero pessima: è disarmante che l’assessore al bilancio non sembra nemmeno sapere, a volte, di che cosa sta parlando. L’amministrazione manca di invenzione e di intraprendenza, non ha voglia di fare e aspetta che qualcosa cali miracolosamente dall’alto. Si vive alla giornata, e non c’è nessuna pianificazione a lungo termine”.

Un appello che il Partito Democratico lancia all’amministrazione comunale è quello di cercare finanziamenti attraverso la partecipazione a bandi regionali, nazionali ed europei. Bandi che troppo spesso vengono ignorati dalla maggioranza, e che potrebbero invece rivelarsi un’ottima fonte da cui attingere risorse. “L’attuale amministrazione – afferma Barbieri – non va alla ricerca dei bandi pubblici. Si dovrebbe invece puntare proprio sull’utilizzo di forme alternative per ottenere finanziamenti. Con i bandi europei si potrebbe valutare la possibilità di riqualificare il Teatro. Per di più, avevamo l’opportunità di accedere al superbonus per gli enti pubblici, e noi non ci abbiamo messo neppure il naso. Ma d’altra parte cosa ci possiamo fare? La maggioranza in Consiglio Comunale manca della volontà di intraprendere una qualsiasi forma di iniziativa”. Non mancano le perplessità sull’apertura di alcuni cantieri, tra cui quello in Via Roma e quello in Corso Torino, “casualmente” ad un anno dalle elezioni, proprio quando in città si comincia a respirare quell’inconfondibile brezza che preannuncia la campagna elettorale.

“È inutile che ci prendano in giro – commenta il consigliere del PD – perché è da dieci anni che aspettiamo questi lavori pubblici. Al sindaco piace apparire nelle foto di rito con la fascia tricolore, ma dietro l’immagine c’è poca sostanza. Basti pensare alla piazzola ecologica, un’opera che aspettiamo da anni, che ciclicamente viene pubblicizzata dall’amministrazione, i cui lavori però non sono ancora partiti. Per l’illuminazione pubblica, inoltre, sono stati sperperati per anni soldi inutili. L’amministrazione leghista ha privatizzato tutto e non ha tenuto niente: dal servizio per accompagnare i bambini a scuola al servizio per seppellire i morti. Nonostante sia stato tutto privatizzato, però, le tasse comunali continuano ad aumentare, a fronte di una totale mancanza di decoro urbano, della cura del verde, e della manutenzione e pulizia delle strade”.

Massimiliano Farrell