Una borsa di studio per ricordare Eugenio Poles: se ne parla in consiglio

MEDE – “E se dedicassimo una borsa di studio a Eugenio Poles?”. La proposta arriva dalla minoranza, capeggiata da Antonella Bertarello con la civica “Per Mede… Insieme si può”. Verrà discussa nel consiglio comunale di questa sera, alle 21 in presenza. Secondo le proposte di Bertarello e dei suoi consiglieri, Maurizio Donato, Laura Zambruno e Massimo Veronese, sarà una commissione consiliare a lanciare il bando, e gli studenti verrebbero premiati dall’anno scolastico 2021-2022, il prossimo. L’idea è stata presentata sotto forma di mozione. “Nel mese di dicembre 2020, a seguito delle conseguenze dovute al Covid, è scomparso il professor Eugenio Poles (nella foto) – spiega Bertarello – insegnante presso la scuola secondaria di primo grado e vicepreside dell’Istituto comprensivo di Mede. La figura del professor Poles non ha avuto risalto solo nell’ambito scolastico, dove ha speso nell’insegnamento parecchi anni, ma è stato anche un apprezzato amministratore comunale e provinciale oltre che uomo di profonda cultura. Sarebbe un’apprezzabile iniziativa l’istituzione di una borsa di studio in sua memoria da elargire a studenti meritevoli, ma con scarse possibilità economiche, per agevolarli nelle scelte e sostenerli nella prosecuzione degli studi”.

Sempre nel nome di Poles, che aveva 67 anni al momento del decesso, nelle scorse settimane i rappresentanti di due leve (1983 e 2003) avevano donato attrezzature per la nuova autopompa dei vigili del fuoco, mediante l’associazione “115 Amici dei pompieri Lomellina sud”.

Davide Maniaci