Squarciate le gomme delle auto dei volontari della Croce Rossa,Fosterni: “Vogliamo più vigilanza”

MORTARA - Due auto di volontari della Croce Rossa vandalizzate vicino alla sede di vale Capettini. E’ successo sabato scorso, 19 marzo, quando i due volontari erano in sede per un corso di aggiornamento. Non solo, erano anche impegnati nella preparazione dei pacchi alimentari. Doveva essere una mattinata all’insegna della consuetudine: viale Capettini è solitamente una zona tranquilla dove, nel controviale, passano quasi solo i residenti dei pochi palazzi e delle case. Al termine del servizio, quando sono tornati a prendere il proprio mezzo per tornare a casa, due di loro, si sono trovati due ruote delle proprie auto tagliate. Per di più ad aggravare la situazione, un cartello “artigianale” (poi tolto, ma fotografato dalle vittime) che riportava il messaggio “Uscita auto non parcheggiare”. Ma nella zona non esiste alcuna regolamentazione della sosta. O meglio, non esiste il divieto di sosta nel lato del controviale di fronte “all’uscita” in questione. Basterebbe un po’ “d’occhio” per capire se un’auto in sosta può ostacolare la manovra di un’altra automobile.

“Siamo particolarmente colpiti dall’atto vandalico che ha coinvolto due nostri volontari – spiega arrabbiato Umberto Fosterni, presidente della Croce Rossa di Mortara – è gravissimo che una persona che toglie tempo alla propria famiglia, per donarlo alla comunità, sotto le nostre bandiere, possa subire un atto così vile. Non voglio accusare nessuno, ma difficilmente la vile mano arriva da molto lontano. Indirettamente lasciando un’ombra di dubbio sui nostri vicini, che apprezzano il nostro operato e sopportano qualche disagio quando dobbiamo utilizzare i parcheggi esterni. E mi addolora constatare che la sicurezza, in una strada ampia di transito e parcheggio, in entrata nella città, possa essere colpita da questi scellerati atti di vandalismo, forse premeditato. Basta considerare che quando è stato reso noto il fatto sui social, il cartello fatto in casa, abusivo e senza alcun valore, è sparito. Chiediamo al Comune e all’assessore alla sicurezza Gigi Granelli una maggiore vigilanza, magari le telecamere posizionate vicino hanno ripreso, anche se sappiamo che è difficile prendere sul fatto questi maleducati”.

I due volontari hanno presentato regolare denuncia del fatto.

“Sappiamo che chi ha commesso questo doloroso atto difficilmente si costituirà o chiederà scusa – conclude Umberto Fosterni – i due volontari dovranno sobbarcarsi le spese per sostituire le gomme tagliate. Ma se si pente, contribuisca almeno alle spese. Se vuole farlo in modo anonimo, può farci pervenire o inserire nella cassetta postale una busta con i soldi. Noi li gireremo ai due volontari”.