Stars Volley, dal presidente l’appello: “Il volley, valore aggiunto che dobbiamo riprenderci"

MORTARA - L’ottimismo non riesce a nascondere del tutto una profonda amarezza. Lo si legge dalle risposte, ma ancor di più dagli occhi, di Nico Marseglia (nella foto), il numero uno della Stars Volley che dopo la prima “batosta” della scorsa primavera aveva messo in moto la macchina stellata per ripartire, in piena estate, con i progetti per la nuova stagione sottorete. Sono rimasti tali. Progetti, appunto. Il secondo stop alle attività sportive non professionistiche e soprattutto a quelle di squadra ha lasciato anche la Stars in mezzo a un mare di incertezze.

“Nello scorso periodo estivo - conferma Nico Marseglia - avevamo programmato la nuova stagione, dapprima decidendo di ampliare lo staff tecnico e successivamente acquisendo anche il titolo di Prima divisione femminile per accelerare il nostro. Inoltre nel settore maschile avevamo svolto un ottimo lavoro per ricompattare un gruppo under 17, in una categoria che in provincia riesce a fatica a far registrare i numeri per formare le squadre”. La società mortarese infine aveva avviato anche i gruppi promozionali, ripartendo con l’attività a settembre con tutti gli accorgimenti per evitare i contagi dal virus. “Eravamo certi che si sarebbe profilata una buona stagione, ma poi la seconda ondata epidemica ci ha rimesso in ginocchio e la decisione del Governo è stata di fermare nuovamente lo sport. A quel punto ci siamo dovuti nuovamente reinventare e nostri tecnici si sono messi a disposizione distribuendo ai nostri atleti delle schede di allenamento da fare a casa, ma lo sport non può essere fatto in salotto o dietro uno schermo”. La speranza è che tra le attività alle quali sarà consentita la ripresa, rientri anche la pallavolo.

Riccardo Carena