Sport, ginnastica: La Costanza termina alla grande la stagione più difficile di sempre

NAPOLI - Dividere la pedana con ginnasti che, il prossimo 23 luglio, inizieranno la loro avventura olimpica, da un lato potrebbe rappresentare uno stimolo in più per dare il massimo, dall’altro invece potrebbe letteralmente far raggelare sangue e muscoli.

Fortunatamente, per Luca Lino Garza, in occasione dei campionati assoluti di Napoli si è trattato del primo caso.

La punta di diamante tra gli agonisti della Costanza non ha per nulla temuto il confronto con i più grandi ginnasti italiani. Anzi, l’agguerrita concorrenza lo ha spinto ancora più in alto, conquistando uno straordinario terzo posto al volteggio dopo la lunghissima maratona di tre giorni da venerdì 9 a domenica 11 luglio. “La gara è stata sofferta - ammette l’allenatore Paolo Pedrotti - ma Luca è riuscito grazie alla sua grinta ed esperienza a entrare in finale dopo il concorso All around di sabato, concluso con l’undicesimo posto”. E dire che nella finale di domenica un errore all’inizio del suo esercizio aveva rischiato di precludere all’atleta mortarese le zone nobili della classifica. Ma, concludendo le fasi finali della sua esecuzione e portando in pedana l’orgoglio, Garza è riuscito a strappare un punteggio da podio, con il terzo posto finale nella specialità del volteggio.

A Napoli insieme a lui c’era anche il compagno costanzino Andrea Amato, per il quale però gli assoluti hanno riservato un epilogo amaro.

“Nelle qualificazioni - raccontano dalla società - il nostro atleta manca l’accesso alla finale della sbarra per appena un decimo di punto. Il suo comunque è stato un ottimo esercizio, come ormai è abituato a fare. Il livello della competizione era davvero alto, ma Andrea è riuscito a fare bene e a uscire a testa alta di fronte ai migliori specialisti d’Italia”.

Il podio assoluto di Garza e la buona prova di Amato chiudono così la stagione agonistica della Costanza, che ora osserverà una brevissima pausa estiva prima di rimettersi al lavoro in vista delle competizioni settembrine.

La fine del mese di giugno, inoltre, aveva visto la società mortarese brillare anche nel settore femminile. Mentre a Rimini Alberto Lonati festeggiava il titolo italiano, a Fermo le giovanissime ginnaste di Chiara Carnevale Garè partecipavano al trofeo allieve Gold. Per Maria Maragnani e per le sorelle Anita e Matilde Bertarini si trattava della primissima esperienza su una pedana agonistica.

Al termine della gara, per La Costanza sono arrivati il 14esimo posto con Matilde Bertarini, il 16esimo con Maria Maragnani e il 17esimo per Anita Bertarini, per la soddisfazione dell’allenatrice per l’ottimo esordio, visto l’alto tasso tecnico.

Riccardo Carena