Sartirana molla il Clir. Si alza, saluta e se ne va: dal 1 marzo arriva Sangalli

SARTIRANA – Raccolta dei rifiuti: lunedì primo marzo la ditta Sangalli di Monza subentrerà al Clir di Parona. Dopo Cilavegna e Robbio, che fecero da apripista seguiti da Candia, Castello d’Agogna, Castelnovetto, Rosasco, Sant’Angelo e Zeme, ora anche Sartirana volterà le spalle alla società per azioni presieduta da Federica Bolognese. E a breve vi si affiancheranno Valle, Breme, Semiana, Frascarolo e Cozzo. “Purtroppo – spiega il sindaco di Sartirana Pietro Ghiselli (nella foto) – non siamo soddisfatti di quanto la società di Parona ci ha offerto negli ultimi mesi e quindi ho seguìto l’esperienza di Robbio e Candia: per il primo anno procederemo con l’affidamento diretto, perché l’importo è inferiore a 40mila euro, e in un secondo tempo bandiremo una gara d’appalto a fianco di altri Comuni lomellini”. Sartirana, in particolare, manterrà i cassonetti per la raccolta indifferenziata e si affiderà al porta a porta per il verde.

“Il Clir ha privilegiato il porta a porta, ma noi puntiamo sui cassonetti perché sono meno dispendiosi – spiega Ghiselli – Di recente, il nostro consiglio comunale ha ritenuto non più strategica la presenza di Sartirana nel capitale azionario del Clir votando all’unanimità la dismissione delle quote pari a 6.507 euro, l’1,88 per cento”.

Le tariffe applicate in questi anni dal Clir sono, per Ghiselli, “inspiegabili”. Sartirana nel 2019 ha versato 87 euro a tonnellata, mentre per il 2020 dovrebbe pagare 125 euro compreso il costo dell’utilizzo della piazzola ecologica di Valle Lomellina. “Sappiamo – prosegue Ghiselli – che da qualche mese a Candia la ditta Sangalli di Monza fa pagare 105 euro a tonnellata, addirittura con il sistema porta a porta: con i cassonetti il costo per Sartirana sarà inferiore. Ora la speranza è che il servizio, passando alla Sangalli, migliori perché oggi i cassonetti per sfalci e potature, cioè il verde, rimangono pieni anche alcune settimane”. Dopo un primo affidamento diretto, Ghiselli valuterà la situazione insieme ad altri sindaci in vista di un appalto sovracomunale.