Sartirana, il Comune acquista la scuola dell’infanzia e punta alla riqualificazione

SARTIRANA – Anche Sartirana avrà il suo asilo nido per i bimbi fino a tre anni. Sarà costruito dal Comune, che ha deciso l’acquisizione dell’edificio di via Roma che dagli anni Trenta del secolo scorso ospita l’asilo infantile “Alfonso Arborio”: il voto favorevole della maggioranza del sindaco Pietro Ghiselli è arrivato nell’ultimo consiglio comunale. L’immobile fatto costruire dal duca Amedeo di Savoia Aosta è costato circa 140mila euro: è gestito da una fondazione presieduta da Pietro Pianzola e ospita undici bimbi da tre a sei anni. “La fondazione – ha spiegato il sindaco – rimarrà anche in futuro e sarà composta da persone indicate dal Comune e dalla parrocchia di Sartirana, come succede da tempo: il Comune è intervenuto per salvare e rilanciare la nostra scuola materna, ritenuta indispensabile per il mantenimento della scuola elementare e media presenti in paese”. Dopo il passaggio in consiglio comunale, gli uffici si metteranno all’opera per la procedura burocratica relativa al futuro asilo nido. “Siamo alla fase della progettazione – ha aggiunto Ghiselli – Poi, una volta acquisiti i dati necessari e il parere della Soprintendenza ai beni architettonici, parteciperemo a un bando ministeriale per gli edifici scolastici: se non dovessimo ricevere questi finanziamenti da Roma, allora accenderemo un mutuo. Cercheremo di accelerare i tempi, ma sarà molto difficile aprire l’asilo nido già nel prossimo settembre”. Il nuovo asilo nido, che potrà ospitare nove bambini, sarà collocato al piano superiore dell’attuale materna, con ingresso dotato di ascensore: nell’area esterna, inoltre, è in progetto la riqualificazione del verde con la creazione di un orto didattico e di un nuovo parco giochi. Circa l’asilo infantile “Alfonso Arborio” Comune e fondazione si sono accordati per offrire un servizio di pre-asilo dalle 7 e 30 e un post-asilo fino alle 18 e 30 “per facilitare le famiglie e le iscrizioni senza costi aggiuntivi”.

Umberto De Agostino