Rubano nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco, bottino da almeno 15mila euro

MORTARA – Spaccata da 15mila euro nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco di via 11 settembre. I ladri sono entrati in azione ieri, martedì 3 marzo, nel pomeriggio, tra le 14 e 30 e le 16 e 30, quando nessuno dei volontari era presente. Quando il primo volontario è rientrato in caserma ha trovato il cancello scardinato, fuori dalla guida, così come la porta che dava ai locali del centralino presentava evidenti segni di scasso. A quel punto è scattata la chiamata ai carabinieri che si sono precipitati immediatamente in via 11 settembre. I ladri hanno rubato motoseghe, cesoie, mototranciatrice, attrezzature impiegate negli interventi che riguardano incidenti stradali. E proprio quest’ultima attrezzatura ha un valore di 15mila euro. I malviventi hanno anche aperto le serrande dei camion, ma fortunatamente non hanno rubato i computer e l’attrezzatura utilizzata nel centralino. Nella mattinata di oggi, mercoledì 4 marzo, è stata presentata regolare denuncia: un passo necessario per permettere ai militari dell’Arma di procedere con le indagini. La nuova caserma, dove di fatto i volontari si sono trasferiti da poco più di un mese, è ancora sprovviste di telecamere per la video sorveglianza, ma molte aziende della zona, attraverso i loro occhi elettronici, potrebbero avere catturato le immagini dei ladri. Si pensa, infatti, che abbiano agito utilizzando un furgone. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che i ladri abbiano curato i movimenti dei volontari, a dimostrazione che non hanno agito di notte quando i volontari sono presenti in caserma. I volontari mortaresi devono ora fare i conti con questo pesante danno economico: al momento i volontari sono infatti impegnati nell'inventario del materiale. L’attrezzatura era infatti stata acquistata grazie anche alle raccolte fondi promosse dall’Associazione Amici dei Vigili del Fuoco. E ora, con ogni probabilità, gli angeli del soccorso mortarese dovranno “bussare” alla generosità della città per poter comprare nuovamente l’attrezzatura che consente un soccorso rapido ed efficace.