Robbio: varata l’opera più grande, caserma pronta nel 2022

ROBBIO - Nuova caserma dei carabinieri: arriva la firma. Sarà pronta entro il 2022. Dopo posticipazioni infinite, il contratto è stato siglato alle 12 di lunedì 18 ottobre. L’amministrazione di Roberto Francese si prepara ad affrontare la più grande opera pubblica della storia di Robbio. Un appalto da poco meno di 2 milioni di euro (iva esclusa). A metà della spesa complessiva ha contribuito Regione Lombardia. Altri 400mila euro sono stati poi aggiunti dal Gse (Gestore dei servizi energetici). Il Comune ha sborsato il resto. La riunione che deciderà l’esatta data dell’inizio dei lavori è stata rimandata a settimana prossima. Sicuramente cominceranno prima della fine dell’anno. Da allora, la durata sarà di 240 giorni. La nuova, gigantesca, caserma non sorgerà dal nulla. Verrà edificata a partire dalla ristrutturazione del vecchio edificio dell’Enel in via Palestro 120, dall’enorme stazza di 400 metri quadrati. Questo sorge su un territorio di 3000 metri. Saranno invece costruiti da zero quattro nuovi alloggi per ospitare i carabinieri, da 100 metri quadrati ciascuno. Ad occuparsi del tutto sarà la ditta torinese incaricata, Consorzio stabile ALPI scarl - Consorziata Hw Style srl. Non mancherà certo la supervisione dell’ufficio tecnico, che collaborerà con l’ingegnere nominato direttore dei lavori. Si tratta di un passo avanti anche per la sicurezza. Una volta pronto, verosimilmente tra l’autunno e l’inverno prossimo, l’edificio potrà ospitare fino a 12 carabinieri, cinque in più. Presto, nel frattempo, sarà resa nota la data ufficiale dell’inizio dei lavori.

Gabriele Tocchio