Pool, volano gli stracci: il Direttivo è furioso: “Granelli divide lo sport anziché unirlo"

MORTARA - Dai contributi a pioggia per (alcune) società sportive alla valanga di polemiche. Infatti gli esclusi hanno deciso di alzare la voce puntando il dito contro Luigi Granelli che ha lasciato a bocca asciutta il Pool Mortara sport. Dei 12mila euro messi sul piatto dal Comune a favore delle società sportive locali, neanche il becco di un quattrino è stato destinato alla società presieduta da Ilaria Dolara (nella foto). Così l’idillio tra il Pool Mortara Sport e l’assessorato allo sport diventa improvvisamente un lontano ricordo. Una stretta collaborazione frutto degli ottimi rapporti intercorsi nel recente passato tra il sodalizio e gli assessori Marco Vecchio e Luigi Tarantola. Ma con il passaggio di deleghe da Marco Vecchio a Luigi Granelli molte cose sono cambiate. Anche nella distribuzione delle risorse economiche. “Pur essendo una società sportiva non a scopo di lucro – spiega Ilaria Dolara, presidente del Pool Mortara Sport – il Pool è stata l’unica a non aver avuto alcun contributo. Tutto il Consiglio direttivo è molto amareggiato, ma non stupito che l’assessore allo sport Luigi Granelli non abbia minimamente pensato all’esistenza del Pool Mortara. Probabilmente se ci fosse stata un’occasione pubblica, come ad esempio una bella giornata dedicata a delle premiazioni dei nostri atleti, l’assessore si sarebbe presentato in prima fila. Il Pool non ha mai chiesto contributi. Tuttavia tutte le attività che durante l’anno realizzavamo, come ad esempio l’attività motoria presso le scuole elementari, quest’anno non si sono svolte per ovvie ragioni. Così come la manifestazione «Podio con lode» non sarà fatta. A fronte di queste doverose rinunce imposte dallo stato di emergenza sanitaria, l’ente pubblico non ci ha minimamente considerati nella sua azione di distribuzione dei ristori economici. Sarebbe stato equo e giusto annoverare anche il Pool tra quelle importanti realtà cittadine costrette dalle norme anticontagio a rinunciare ad una parte importante del proprio lavoro. Precisiamo che un eventuale contributo lo avremmo suddiviso in modo uguale tra i componenti dello staff tecnico. Tutti professionisti del settore. Molti giovani laureati o laureandi. Ragazzi che vivono per e con lo sport. La nostra storia dimostra quanto il nostro lavoro sia sempre stato serio e rispettoso. Abbiamo sempre dato il miglior servizio possibile. Sembra che da parte di questo assessore ci sia la volontà di denigrare tutto quello che è stato fatto dal Pool, come se la società costituisse solo una scocciatura. Eppure un assessore allo sport dovrebbe unire e non dividere l’ambiente sportivo”. Il contributo straordinario alle 20 società sportive, per una somma complessiva di 12mila euro, è stato votato dalla giunta il 10 novembre. Non un voto unanime. In quell’occasione l’assessore al bilancio Margherita Baletti aveva scelto di astenersi. L’amministrazione ha così voluto partecipare alle spese sostenute dalle varie società sportive operanti a Mortara che, a seguito dell’emergenza Covid, hanno visto quasi completamente annullate le attività del 2020. L’entità del contributo è stato determinato prendendo in considerazione il numero degli atleti tesserati, la consistenza dell’attività giovanile, la progettualità e diffusione della pratica e cultura sportiva, con particolare attenzione alla didattica sportiva per giovani e bambini, l’utilizzo di modalità di corsi online per mantenere un contatto continuo con gli iscritti. I soldi sono stati così suddivisi. La Costanza (2mila euro), Pro Mortara (2mila euro), Padana Nuoto (mille e 200 euro). 650 euro a Mortara Calcio, Virtus Basket Mortara, Stars Volley, Karate Club 2000, Virtus Volley, Skating Club Mortara. Contributo da 600 euro al Tennis Club Mortara e al Battaglia Basket. Infine cifre minori sono così distribuite: Arcieri dell’Olmo (400 euro), Centro ippico (200 euro), Twirling Mortara (150 euro), Amici del Cammino (150 euro), Subbuteo Club Mortara (150 euro), GC Mortara (150 euro), Sbandieratori (150 euro), Obiettivo Danza (150euro) e Società scacchistica Vigevano (150 euro).

Luca Degrandi