Piazzola ecologica, a luglio il via ai lavori: operativa da gennaio, l’opera costa 411mila euro

La piazzala ecologica del futuro è adesso. I primi lavori di sbancamento presso l’area di via Cassagalla inizieranno a fine luglio. Poi ci vorranno 160 giorni per portare a termine l’opera affidata alla ditta Sial Impianti di Cusago (Milano) che si è aggiudicata il lavori con un ribasso del 15 per cento rispetto alla base d’asta di 483mila euro. Dopo il voto favorevole al progetto esecutivo nel corso del consiglio comunale del 24 giugno ieri, martedì 29, a prendere la ribalta sono stati il sindaco Marco Facchinotti e i tecnici di Comune e AsMortara. “Il centro di raccolta sarà – spiega Pier Carlo Anglese, membro del cda di AsMortara – unico nel suo genere. È stato pensato sulla base di tre principi fondamentali. La sostenibilità ambientale ed energetica, la fruibilità da parte degli utenti e l’economicità dell’opera. Per quanto riguarda la sostenibilità ambientale sottolineo che su una superficie complessiva di 2mila e 500 metri quadrati, ben mille sono sono stati riservati ad area verde e di sistemazione paesaggistica”. Il nuovo impianto costerà 411mila euro. In altre parole un costo pro capite per abitante è di circa 27 euro. Solo in un secondo momento sarà aggiudicato anche il secondo lotto, quello che prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico. “L’impostazione progettuale del centro di raccolta è innovativo – prosegue Pier Carlo Anglese – sotto il profilo del layout impiantistico. Ad esempio la creazione di rampe in quota facilitano lo scarico evitando all’utente la difficoltà di sollevare i rifiuti. Tutti i punti di raccolta sono coperti da tettoie che ospiteranno l’impianto di produzione di energia solare”. Il presidente di AsMortara Simone Ciaramella sottolinea invece la sinergia tra i tecnici dell’azienda di via Vecellio e gli uffici comunali. “Grazie al loro intenso lavoro – sottolinea Simone Ciaramella - abbiamo ridotto al minimo le lungaggini burocratiche che caratterizzano questi procedimenti. Abbiamo ottenuto tutte le autorizzazioni dagli organi competenti in tempi record grazie ai nostri professionisti e all’impegno del Comune”. Non a caso alla conferenza stampa erano presenti anche Vincenzo Piscioneri e Sabrina Pischedda, impegnati per la parte tecnica. Ma la soddisfazione maggiore è quella espressa dal primo cittadino. Il sindaco Marco Facchinotti si attende il taglio del nastro per il mese di gennaio. Oltre ad un servizio da anni atteso da tutta la cittadinanza, la nuova piazzola rappresenta anche un successo politico. La sua realizzazione era infatti tra i punti principali del programma elettorale presentato dalla Lega 4 anni fa. L’accesso al centro di raccolta avverrà per mezzo della tessera sanitaria in modo da evitare l’uso improprio del servizio da parte degli “svuota cantina” di professione. “L’area – aggiunge Barbara Crotti, direttore di AsMortara - è dotata sia di una guardiania che di un sistema di telecamere per la video sorveglianza. Inoltre il ribasso d’asta potrà finanziare il secondo lotto dell’opera, quello dedicato alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico che parte da una base d’asta di 51mila euro. Tra gli altri servizi offerti ci sarà anche un distributore automatico dei sacchi dell’immondizia”. Lontano dai riflettori l’assessore ai lavori pubblici, Marco Vecchio, che si conferma il meno “presenzialista” di tutta la maggioranza. Però il suo contributo non manca.

“Tra i servizi che si potrebbero aggiungere all’interno della nuova area di raccolta – ha detto Marco Vecchio – c’è anche quello della raccolta degli oli esausti”.

Luca Degrandi