Piazza Silvabella: meglio le critiche per i lavori o quelle per l’ennesimo rinvio dell’asfaltatura?

Piazza Silvabella e l’asfalto della discordia. Lavori subito dopo il porfido di via Roma o rimandare tutto a dopo le elezioni? Su questo interrogativo si divide la giunta, chiamata a prendere una decisione definitiva nel corso della riunione prevista per domani, giovedì 19 maggio. Intanto l’assessore Marco Vecchio si trova tra l’incudine e il martello. Cioè tra la sua volontà di completare al più presto l’opera di riqualificazione di piazza Silvabella e le valutazioni di natura elettorale di buona parte dei suoi colleghi. Il 12 giugno Mortara sarà chiamata alla scelta del nuovo sindaco. Affrontare il voto con un cantiere aperto e una piazza chiusa non piace a diversi esponenti della Lega. E non piace ai commercianti. “Se dipendesse unicamente dalla mia volontà – spiega Marco Vecchio – appena completata la posa del porfido in via Roma farei partire il lavoro di asfaltatura di piazza Silvabella. Si tratta di un’operazione che richiede pochi giorni. Iniziando subito dopo la conclusione del mercato del venerdì, il lavoro sarebbe ultimato per il giovedì successivo. Rimarrebbero poi da tracciare le righe della segnaletica orizzontale. Anche questa operazione richiederebbe alcuni giorni di attesa affinchè il nuovo manto stradale si assesti. Chiudere la piazza per più di una settimana è un disagio tutto sommato sopportabile. Invece ormai sembra che tutti vogliano necessariamente mettere la propria automobile a ridosso del negozio in cui si vuole andare. Eppure fare qualche passeggiata in più sarebbe anche salutare. Capisco che ci sono delle valutazioni politiche ed amministrative da fare. C’è una corrente che vorrebbe rimandare tutto a dopo le elezioni. Decideremo giovedì in giunta”. Intanto la posa del porfido procede speditamente. Venerdì prossimo, 20 maggio, in occasione della prima serata dei “Tri pas”, il tratto con i nuovi sampietrini sarà aperto ai pedoni. “In attesa della posa della resina – spiega ancora l’assessore ai lavori pubblici – il tratto di strada potrà comunque essere aperto e percorso a piedi o in bicicletta già da venerdì.

Luca Degrandi