Pelle, unghie e labbra: i consigli dell’estetista Domi Polenghi per non trascurarsi in casa

MORTARA - Prendersi cura di sé per sentirsi bene. In un momento di tensione e forte stress come quello attuale, diventa fondamentale cercare di tenere alto l’umore anche coccolandosi un po’ di più. Basterà qualche semplice accorgimento di bellezza, quindi, praticissimo da svolgere anche da soli a casa, per migliorare la propria visione di sé e anche le spesso fastidiose problematiche della pelle legate al cambio di stagione. “Il primo consiglio per affrontare la primavera appena iniziata è praticare uno scrub, strofinando un poco di sale fino magari aggiunto a miele o ad un latte delicato sulla pelle, per aiutare la naturale esfoliazione – i consigli sono di Domenica Polenghi (nella foto), titolare del salone Centro estetica Domi in Contrada San Dionigi 19 – Questo trattamento è utile per la pelle del viso, dove è bene venga concluso applicando una crema adatta al proprio tipo di pelle e senza dimenticare di trattare le pelli più mature con un buon siero. Inoltre, è ottimo anche per la pelle del corpo, dove può venire eseguito strofinando semplicemente una manciata di sale sulla pelle inumidita per eliminare tutte le scorie dell’inverno e preparare la cute alla nuova stagione, magari insistendo sulle zone in cui la pelle è più spessa come gomiti, sottoglutei e la parte sotto i fianchi conosciuta come culotte de cheval”. Per mantenere la pelle tonica e scongiurare la ritenzione idrica, l’esperta di bellezza mortarese ricorda di non dimenticarsi mai di bere tanto, per mantenere la pelle ben idratata dall’interno. In caso di pelle particolarmente secca, sono d’aiuto gli impacchi con olio di oliva, da massaggiare sul corpo, come l’uso sotto la doccia di saponi neutri che rispettino il naturale pH della pelle. Oltre al corretto apporto di liquidi però è bene anche continuare a fare movimento, nei limiti del possibile, e attuare qualche piccolo accorgimento nei piccoli gesti quotidiani, come quello di tenere sempre le gambe un pochino sollevate rispetto al busto quando si sta seduti o sdraiati, in modo da favorire il drenaggio dei liquidi ed aiutare la circolazione del sistema linfatico. Un altro trucchetto toccasana è quello di esporsi al sole almeno venti minuti al giorno, proteggendo naturalmente le parti esposte con una buona protezione solare che abbia almeno un spf 15 ma che può essere anche più alto in caso di pelle sensibile o soggetta a macchie solari. I raggi uv infatti, se nella giusta condizione, favoriscono la sintesi della vitamina D, molto importante ad esempio in chi soffre di osteoporosi. “È bene prestare attenzione anche a qualche accorgimento che ci semplifichi la vita in questo periodo così particolare – approfondisce Domenica Polenghi – Ad esempio, in questo momento consiglio di curare le mani anche a casa tenendo le unghie il più naturali possibili, preferendo una limatura che le mantenga corte di modo da evitare qualsiasi accumulo di patogeni ed eseguire agevolmente il lavaggio delle mani. Ancora, qualche consiglio sull’uso della mascherina, perché coprendo una buona parte del viso anche questo dispositivo di protezione favorisce la disidratazione della pelle e delle labbra. Anche quando si esce quindi meglio applicare sempre la crema e anche un buon burro cacao o un rossetto idratante per dare una base sulle labbra”. Con l’arrivo di temperature più calde rimane poi un ultimo grande dilemma, per lo più femminile, che riguarda il tema della depilazione. “Dovendo optare per il fai da te, in questo momento il mio consiglio è quello di scegliere rasoi o lamette monouso – è il consiglio finale dell’esperta – meglio evitare assolutamente le creme depilatorie, che sono ricche di sostanze chimiche che possono causare problemi e irritazioni alla pelle, soprattutto con l’arrivo del caldo. Per chi solitamente si affida alla ceretta o al laser, il rasoio non è un grave problema e non peggiora la situazione. Al massimo, una volta ritornati alla normalità, si dovrà intervenire su una situazione che è pari a quella in cui si era prima dell’inizio dei trattamenti, che è comunque facilmente risolvibile”.

Beatrice Mirimin