Ottimismo in Croce Rossa: meno viaggi e più volontari

MORTARA - Calano i viaggi della ambulanze e aumentano i volontari temporanei presso la Croce Rossa mortarese. Non sarà la luce in fondo al tunnel, ma almeno si tratta di due buone notizie. Ce n’era bisogno. E anche la voce di Umberto Fosterni, presidente del Comitato locale, sembra più distesa dopo due settimane d’inferno. Negli ultimi sette giorni, però, qualcosa è cambiato. I viaggi degli angeli del soccorso sono leggermente diminuiti. Dalla media di 12 trasporti al giorno, il dato è sceso a 8. Un piccolo passo avanti che, però, non deve illudere. La guerra al virus sarà ancora lunga e difficile. “In questa settimana – spiega Umberto Fosterni – la situazione sembra leggermente migliorata, almeno per quanto riguarda il numero giornaliero di viaggi. Ad esempio nel turno di sabato scorso ho effettuato un solo servizio, non mi capitava da anni una cosa del genere”. Però non bisogna abbassare la guardia, anche perché questa lieve flessione può essere interpretata anche in un altro modo. “E’ possibile – commenta Umberto Fosterni – che sia subentrata una sorta di timore a recarsi al Pronto soccorso. Le strutture sanitarie incominciano a essere percepite come dei luogi in cui il virus circola con maggior facilità. Anche per questo l’intervento dell’ambulanza viene chiesto con maggiore consapevolezza rispetto alle prime due settimane”. Invece non ci sono dubbi sul fatto che Mortara ha risposto presente all’appello lanciato nei giorni scorsi dalla Cri: ai volontari già presenti se ne aggiungeranno altri 12. I cosiddetti volontari temporanei. Nove di questi prenderanno servizio da oggi, mercoledì primo aprile. Le loro mansioni saranno principalmente tre. Si adopereranno nella sanificazione dei mezzi e della sede di via Capettini, del confezionamento dei pacchi alimentari che ogni settimane vengono portati alle famiglie indigenti e del supporto (assieme ad un altro volontario) della consegna della spesa a domicilio. Nel corso dell’ultima settimana i volontari del Comitato locale hanno consegnato la spesa a 37 persone residenti a Mortara e a 39 residenti nel Comune di Cilavegna.