Omodeo, i primi risultati della maturità: la 5Bs cala un tris d’assi, Pietranera, Ascè e Solito

Dalla tensione e dalla preoccupazione, fino alla gioia e alla soddisfazione. Per gli studenti della 5Bs dell’istituto “Angelo Omodeo” è già un ricordo. Un bellissimo ricordo che per tre di loro vuol un 100 tondo tondo, il massimo dei voti. Un voto che premia il cammino di studi di Margherita Ascè, Edoardo Pietranera e Lorenzo Solito (nella foto), per lui anche la lode.

“Prima c’era un po’ di tensione, è innegabile, ma poi è svanita durante l’esame. – spiega Lorenzo Solito, che ha sostenuto l’esame nella giornata di venerdì 18 giugno – E’ stato un bel momento, ho potuto mettere in luce le mie conoscenze davanti ai miei insegnanti”. La commissione d’esame, infatti, era formata dai docenti e solo il presidente della commissione era esterno.

“Sapevo di poter fare bene, ma la lode è stata una sorpresa. – aggiunge Solito – Partivo con 70 punti di credito scolastico e sapevo che potevo solo migliorare. La parte più impegnativa dell’esame è stata quella in cui la commissione dava uno spunto e ho dovuto sviluppare un discorso in grado di collegare tutte le materie”.

Ora per Lorenzo Solito arriva il momento delle meritate vacanze, poi inizierà l’avventura al Politecnico di Milano in Ingegneria Chimica. E il 100 è arrivato anche per Edoardo Pietranera che, proprio come Lorenzo Solito e Margherita Ascè, ha fatto parte della redazione di Ardea, il giornale d’istituto che l’Omodeo realizza con la collaborazione del nostro settimanale.

“Non mi aspettavo di arrivare al 100, pensavo di arrivare attorno al 95. – esordisce Pietranera – L’esame non mi ha messo in soggezione, anzi, mi sono trovato molto bene e addirittura mi sono divertito. Le ultime settimane di scuola sono state molto tranquille, un po’ di agitazione c’è stata soltanto alla vigilia dell’orale. Mi aspettavo molta serietà e così è stato, la mia interrogazione è durata poco più di un’ora e gli insegnanti non ci hanno messo in difficoltà, ma non hanno regalato nulla”. Anche per Edoardo Pietranera arriva così la meritata pausa estiva, da settembre diventerà uno studente della Cattolica di Milano dove studierà Economia dei mercati finanziari.

Se Pietranera punta all’alta finanza, Margherita Ascé sogna un futuro con il camice bianco: dopo le fatiche della maturità dovrà prepararsi per superare il test d’ingresso alla facoltà di Medicina. La futura dottoressa non ha dubbi: gli esami per la patente di guida sono stati più difficili della maturità. “Sono arrivata alla maturità dopo un percorso di crescita affrontato con la mia classe e questo è servito anche nei giorni che hanno preceduto la prova. – spiega – Siamo rimasti in contatto cercando di aiutarci, chi era più bravo in determinate materie si è messo a disposizione di quanti erano un po’ in difficoltà. Sono convinta di aver sostenuto un buon esame ed ero convinta di arrivare tra il 90 e il 95”. Invece è arrivato un voto a tre cifre che testimonia il grande impegno di Margherita Ascè che si prepara a vivere un’estate tra svago e qualche libro per prepararsi al test d’ingresso che l’attende agli inizi di settembre. “Ho deciso di iscrivermi ai test d’ingresso in lingua italiana e in lingua inglese – conclude – e ora devo iniziare a studiare per le prove di settembre che verteranno su materie scientifiche e avranno anche una parte di cultura generale. Mi piacerebbe specializzarmi in Chirurgia fetale o Cardiochirurgia”.