Olevano, Alessandro Bravo contro la censura digitale

OLEVANO - A chi sono affidate l’ideazione, creazione e pubblicazione dei post sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di Olevano e con quale atto è stata conferita la nomina? A chi è affidata la moderazione degli interventi, avendo deciso che i post siano pubblici e commentabili dai lettori della pagina Facebook e con quale atto è stato conferito l’incarico? A chi è affidata la cancellazione dei commenti ritenuti sgradevoli o non pertinenti, con quali criteri l’incaricato svolge questa mansione e con quale atto sono stati conferiti gli incarichi? Se lo chiedono membri del gruppo consigliare “X Olevano”, Alessandro Bravo (nella foto), capogruppo, Luca Brunoldi e Stefania Lanzarotti. E rivolgono un’interrogazione al sindaco Luca Mondin, che sarà oggetto del prossimo consiglio comunale. “Lo scorso 18 aprile - affermano i consiglieri rivolgendosi al sindaco - tramite il social network “Facebook”, a seguito di un vostro post pubblicato sulla pagina ufficiale del Comune, venivano espressi due commenti critici da parte di due nostre concittadine, scritti entrambi in modo garbato ed educato. Nella prima mattina del giorno successivo, il 19 aprile, tali commenti venivano cancellati dalla stessa pagina Facebook. Vogliamo esprimere la forte condanna di tale gesto rappresentativo di una volontà di reprimere il dissenso e di censura verso le opinioni discordanti. Quanto accaduto rappresenta un grave gesto, ancor più perché è accaduto sulla pagina ufficiale del Comune. Riteniamo infine che, essendo dichiarata pagina ufficiale, debbano essere chiari sia i regolamenti che, soprattutto, chi si occupa della sua gestione ed in base a cosa la libera espressione possa essere considerata “non in linea con lo scopo della pagina”.

Riccardo Carena