Olevano, è nato il fondo “No Covid” per aiutare la cittadinanza, stanziati 40mila euro

OLEVANO – Uno stanziamento di 40mila euro per aiutare concretamente il paese a fronteggiare le forti ripercussioni socioeconomiche provocate dall’emergenza Coronavirus. Il fondo comunale, battezzato “Olevano No Covid”, è stato creato in consiglio comunale venerdì 22 maggio grazie alla rinegoziazione dei mutui con cassa depositi e prestiti. Durante l’assise sono state liberate risorse per il 2020 di oltre 30mila euro. Ma ad alimentare il fondo sono anche il risparmio di parte degli emolumenti del sindaco, i gettoni di presenza dei consiglieri comunali non percepiti e risorse originariamente destinate alle feste estive del paese. “Sono orgoglioso di comunicare uno sforzo economico importantissimo da parte dell’amministrazione comunale di 40mila euro – afferma il sindaco Luca Mondin – destinati alla popolazione in questo momento di grande emergenza sanitaria, sociale ed economica. Grazie al fondo “Olevano No Covid” il Comune potrà andare incontro alle esigenze di cittadini ed imprese, in particolar modo a chi sta soffrendo maggiormente questa situazione, con la chiusura per settimane della propria attività aziendale, a chi ha perso il lavoro oppure a chi non ha ancora ricevuto i bonus del governo o la cassa integrazione”. Sabato 23 maggio la giunta ha deliberato come destinare tali risorse. Verrà pubblicato un avviso per i buoni spesa, dando la priorità a chi non li ha ancora richiesti e a chi non percepisce altri sussidi come il reddito di cittadinanza. I buoni sono spendibili negli esercizi olevanesi (Macelleria-alimentari Coccini e Farmacia Manzini). Il fondo contempla inoltre contributi o sgravi economici alle attività che sono state costrette a chiudere, alla locale parrocchia, ad associazioni di volontariato come la Croce Rossa locale e l’Associazione San Vincenzo per aumentare la disponibilità di pacchi alimentari. Ma gli stanziamenti riguarderanno anche l’acquisto di dispositivi di protezione individuale per la popolazione (guanti e mascherine), termoscanner, risorse per la sanificazione dei locali comunali e delle strade e benefici a favore di bambini e ragazzi. È stata inoltre annunciata la creazione di un’app e di una pagina Facebook istituzionali per rendere più efficiente la comunicazione con la cittadinanza.

Nicholas Scotti