Non solo via Roma: nuovo asfalto in altre quattro strade, paga la Regione

MORTARA - “Dovrei cospargermi il capo di cenere perché sui ritardi riguardanti i lavori pubblici sono il responsabile. E vi chiedo scusa”. Non è cosa comune sentire parole di questo tenore pronunciate da un amministratore pubblico. Eppure Marco Vecchio (nella foto) non ha esitato a recitare una sorta di “mea culpa” in risposta all’interpellanza presentata da Marco Barbieri. L’esponente del Pd ha più volte puntato il dito contro l’amministrazione denunciando lo stato disastroso di molte strade cittadine, la condizione pessima di quasi tutti i marciapiedi e la mancata manutenzione del verde. Un lungo elenco di disastri. Però ora la maggioranza vuole rispondere con un altrettanto, lungo elenco di fatti. Il primo e più importante è il rifacimento del porfido di via Roma. Ad aprile è previsto l’inizio dei lavori. Ma non è tutto. Nel mirino c’è anche il rifacimento dell’asfalto in strada Vecchia di Galliate, via Asiago, via De Amicis e via Orlandini. I soldi ci sono, anche perché li mette la Regione. Però il presidente Attilio Fontana, oltre a mettere “la grana”, ci mette alche “il becco”. Infatti per percepire il contributo regionale il Comune dovrà provvedere al rifacimento dell’asfalto e dei sotto servizi. “Purtroppo – spiega l’assessore ai lavori pubblici – molte delle opere che pensavo di poter realizzare nel corso del 2020 hanno subito gravi ritardi a causa dello scoppio della pandemia. Ma anche a causa di problemi strutturali del Comune. Per quanto riguarda le rotonde, invece, devo dire che quelle di responsabilità del Comune sono tutte relativamente in ordine. Le rotatorie che effettivamente si trovano in pessime condizioni sono quelle in capo all’ente provinciale. Inoltre alcuni privati si erano resi disponibili a manutenere le rotonde a fronte della concessione di spazi pubblicitari. Però i paletti imposti dalla Provincia sono tali e tanti da scoraggiare questo tipo di iniziativa. Vedremo di sollecitare ancora l’Ente di Area vasta”. Infine il capitolo marciapiedi. L’assessore assicura che con il ribasso sulla base d’asta dei lavori che verranno appaltati verrà messa mano ai marciapiedi di piazza Silvabella. “Per quanto riguarda il verde – conclude l’assessore Marco Vecchio – abbiamo appaltato 30mila metri quadri di verde da manutenere ad una ditta esterna. Poi c’è una superficie analoga in capo al Comune. In questo caso abbiamo più difficoltà perché c’è poco personale rispetto alla mole di lavoro da fare”.

Luca Degrandi