Mortara verso il voto: la Savini ha aderito a Fratelli d’Italia, il centrodestra mischia le carte

Compri tre paghi due. Fratelli d’Italia sta facendo “spesa” in tutta Italia e il 3x2 è arrivato anche in Lomellina. Dopo aver scippato a Vigevano il consigliere comunale Paolo Iozzi a Forza Italia, gli eredi di Allenza Nazionale piantano la bandierina anche nel consiglio comunale di Mortara con l’ingresso nel partito di Paola Savini. Un ingresso annunciato lunedì scorso, 19 luglio, (proprio mentre aderiva a Fdi anche il senatore ex forzista Lucio Malan) e che sarà ufficializzato lunedì prossimo alla presenza del segretario provinciale Claudio Mangiarotti e del deputato Marco Osnato.

Il partito di Giorgia Meloni piazza così un colpo importante alla vigilia delle elezioni del 2022. Paola Savini è stata una figura di primo piano all’interno di Forza Italia e debuttò nel 2007 nella lista che sosteneva la candidatura di Paolo Silva. Aderì poi al Pdl fondando anche un “Circolo della libertà”, poi, sempre sotto le insegne del Pdl, nel 2012 prese parte alla lista che sosteneva Ettore Gerosa. Sparì il Pdl e Paola Savini ritornò in quella Forza Italia resuscitata da Berlusconi. Nella primavera del 2017, scelse di correre sotto un’insegna civica e venne espulsa da Forza Italia in quanto si era messa in contrapposizione alla lista ufficiale del partito. Raccolse il sostegno dell’ex sindaco ed ex leghista Andrea Olivelli che formò una lista civica in suo sostegno. Le elezioni furono un plebiscito per Marco Facchinotti, ma Paola Savini entrò in consiglio comunale. Nel 2018 aveva strizzato l’occhio a Fdi: alla vigilia delle regionali del 4 marzo annunciò pubblicamente il suo sostegno a Laura Gardella, candidata al Pirellone con il simbolo di Fratelli d’Italia. Da quell’appuntamento elettorale sono trascorsi tre anni e i consensi per Fdi vanno aumentando. Il 4 marzo 2018 gli eredi della “fiamma” si fermarono al 5,94%, nonostante la candidatura mortarese di Laura Gardella. Il matrimonio Savini – Fdi ha dato uno scossone al panorama politico mortarese: il sottobosco della politica locale è in subbuglio e si sta preparando alle consultazioni della prossima primavera, ma la scelta della Savini sembra trovare approvazioni anche all’interno dello stesso centrodestra. “Non è una novità politica. – commenta Franco Varini, responsabile provinciale di Forza Italia per gli Enti locali – Sicuramente Paola Savini ha collaborato all’opposizione in consiglio comunale, allargando il proprio raggio di azione coinvolgendo in alcune iniziative anche Giuseppe Abbà, storico esponente di Rifondazione della nostra città, una persona assolutamente coerente con le proprie idee e convintamente comunista. Auguriamo a Paola Savini buon lavoro, magari altri la seguiranno in questa nuova avventura”.