Mortara: sagra, ci sarà il concorso vetrine. Edo Rossi: proviamoci ad ogni costo


Whatever it takes. La frase resa celebre da Mario Draghi, quando nel 2012 era governatore della Bce, è diventata il mantra di Edoardo Rossi (nella foto). Il presidente dell’Ascom adotta così quel “a ogni costo” e cerca di applicarlo in vista del settembre mortarese. “Dopo l’incontro avvenuto in Comune alla presenza del sindaco e delle contrade – spiega il numero uno dell’associazione di corso Cavour – siamo pienamente operativi. Stiamo cercando di sviluppare nei migliori dei modi quanto ci siamo prefissi. Dobbiamo essere pronti a fare bella figura a ogni costo: ne va dell’interesse della manifestazione, del suo prodotto principe e dell’immagine della città”. Dalle parole di Edoardo Rossi emerge chiaro un concetto: Comitato sagra e Ascom non mollano di un centimetro. Dopo lo stop imposto nel 2020 l’occasione è troppo ghiotta: i giorni della sagra potranno essere una grande vetrina per Mortara e per il commercio. Proprio il comparto commerciale potrebbe trarne beneficio nell’immediato, soprattutto la parte gastronomica, ma anche nel medio e lungo termine. Il volano della sagra, già importante in condizioni normali, assume un’importanza ancora maggiore in queste situazioni di straordinarietà.

L’obiettivo dell’ente organizzatore è quello di allestire lo spazio degustazione di “O...chebontà” in totale sicurezza. E con la stessa cura, organizzare la mostra provinciale del palmipede. Chiaramente va rivista la logistica di piazza Monsignor Dughera e di piazza Martiri della Libertà ma, scongiurato il rischio aviaria, le oche potrebbero far ritorno nel centro città. Sarebbe comunque una mostra “in evoluzione”: secondo le indiscrezioni, oltre ai pennuti nei tradizionali gabbioni verdi, il palmipede potrebbe evolversi in una versione “2.0” diventando anche digitale. Il tutto per evitare gli assembramenti tra i corridoi che si venivano a creare tra una fila di gabbie e l’altra.

“C’è poi il concorso vetrine – ci tiene a precisare il presidente di Ascom Mortara – che verosimilmente verrà organizzato nella serata di venerdì 24 settembre. E’ un’iniziativa che permette di valorizzare il commercio nella sua creatività e che coinvolge tutti i settori merceologici, non solo quelli più strettamente legati alla manifestazione gastronomica. Chiaramente in questi giorni stiamo lavorando con tutti gli esercenti per capire se e come organizzare eventi in grado di animare il centro città in modo da predisporre anche una chiusura al traffico. Il tutto, ovviamente, rispettando le misure di sicurezza”. Il modello da perseguire è quello del classico schema dei Tri pas in piasa, un modello che dovrebbe essere adottato anche dal Comune nella giornata di domenica 26 settembre.