Mortara, Maggioni attacca: battaglia ideologica della Sinistra sulla scuola per adulti


MORTARA - Quello che dovrebbe essere un confronto istituzionale si trasforma in uno scontro politico. E il dibattito si trasferisce all'esterno dell'aula consigliare. Argomento del contendere è l'individuazione della sede della scuola per adulti a Mortara. Un annoso problema per il Comune a trazione leghista dal 2007. E nel dibattito interviene anche il parlamentare leghista Marco Maggioni, nelle vesti di commissario cittadino della sezione della Lega Salvini Premier.

"L'individuazione a Mortara di locali idonei per ospitare il CPIA da decisione amministrativa si è trasformata in una questione di natura politica. - osserva il deputato lomellino - Le continue interpellanze consiliari dell'estrema sinistra in questi pochi mesi significano che il confronto da tecnico, tra le istituzioni preposte, è degenerato nel volere issare la bandiera rossa su un servizio scolastico che la nostra amministrazione comunale, nei fatti, non ha mai inteso osteggiare". Il riferimento è, evidentemente, alle interpellanze presentate da Giuseppe Abbà, ex sindaco comunista e storico rappresentante a livello provinciale del Prc. Quella di Abbà è stata una battaglia politica portata avanti negli ultimi anni, da quando il cosiddetto CPIA è rimasto senza sede.

"Sono rammaricato per quanto vedo - prosegue Maggioni - e, non per causa nostra, credo che si debba ripartire da capo nel cercare la giusta e necessaria collocazione delle aule del CPIA, ascoltando tutti ma tenendo presente che i vari trasferimenti avvenuti negli anni in Mortara, da una struttura all'altra della città, nascondano motivazioni da approfondire con attenzione".

La giunta Facchinotti sembra però aver trovato nei locali di Palazzo del Moro una soluzione per la scuola per adulti. Una soluzione ancora non ufficiale e che vede il sindaco molto attivo nel dialogo con la Prefettura sin dal mese di settembre. Ma Maggioni non ha dubbi: "Quella del CPIA ormai è questione di natura politica, l'estrema sinistra vi ha issato la bandiera rossa".