Mortara, l'annuncio di Facchinotti: Imu a dicembre, ma solo per chi è in "crisi"


MORTARA - Pagamento dell'Imu, il sindaco Marco Facchinotti annuncia la grande novità di queste ore: niente acconto entro il 16 giugno. Chi sta attraversando una crisi economica causata dalla pandemia potrà differire il versamento della prima rata Imu a dicembre, quando potrà versare l'intera imposta senza sanzioni ed interessi. Ma attenzione, la dilazione sarà concessa solo in ragione della grave crisi economica determinata dalla pandemia Covid-19. Il modulo per l'autocertificazione sarà scaricabile sul sito del Comune di Mortara a partire da venerdì 12. Prima, però, la delibera dovrà passare per il voto del consiglio comunale, in calendario per giovedì 11. “L’Istituto per la finanza e l’economia locale (Ifel) – spiega il primo cittadino – ha da poco diramato una comunicazione per informare gli enti locali della possibilità di differire il versamento dell'Imu, in scadenza il 16 giugno. La possibilità di versare l'intera somma a dicembre non è però valida per tutti. E' fondamentale compilare un'autocertificazione, che metteremo presto in rete, per dichiarare l'effettivo stato di bisogno. Insomma, le ragioni devono essere serie e legate all'emergenza economica e sanitaria causata dalla pandemia. Questi documenti saranno poi soggette a delle verifiche. In caso di dichiarazione mendace si rischiano pesanti sanzioni. Con questo ulteriore atto concreto, che si somma agli altri provvedimenti di sostegno reale alle famiglie e al commercio mortarese, dimostriamo ancora una volta il nostro impegno su tutti i fronti. Rinunciando a parte degli acconti Imu facciamo a meno di risorse che avrebbero fatto molto comodo in cassa a giugno, rispetto a quanto lo saranno incassandole a dicembre”. L'amministrazione non dovrà però apportare modifiche al bilancio di previsione, trattandosi di un mero differimento del versamento disposto per una parte dei contribuenti Imu.