Mortara-giungla: il caos del verde portato in consiglio da Marco Barbieri

L’erba del vicino è sempre più verde, ma quella del Comune è... ovunque! Sui marciapiedi, sulle strade, in mezzo alle rotonde e persino davanti alle sbarre del passaggio a livello. Insomma, il verde urbano è fuori controllo. Tanto da spingere Marco Barbieri, esponente cittadino del Partito democratico, a presentare un’interpellanza protocollata nei giorni scorsi. “Sono numerose – afferma Marco Barbieri - le vie, viali e strade con una totale mancanza di cura del verde, con conseguenze di situazioni di pericolo di visibilità in certi casi, in altri di totale abbandono. Viste le numerose segnalazioni di diversi cittadini in merito alla gestione e cura del verde della città è doveroso che tutti abbiamo alcune risposte riguardanti la gestione fatta dall’amministrazione leghista. Chiedo all’amministrazione di esporre e di fornire specifiche in consiglio comunale in merito agli affidamenti, le ditte incaricate, i costi e come avviene la pianificazione della cura del verde”. Paradossale poi che nella dichiarazione d’intenti di inizio anno del sindaco era stato messo al primo posto tra le priorità, proprio una maggiore attenzione nella cura del verde. Inoltre il rappresentante del Pd ha anche un altro colpo da assestare alla maggioranza. “Altrettanto numerose – continua Marco Barbieri - sono le segnalazioni dei cittadini che si trovano impossibilitati a consegnare rifiuti nell’apposito cassone situato nei pressi del cimitero. Il disservizio è causato da due fattori: orari inaccessibili e la presenza di un solo cassone. Quando questo è pieno l’area viene chiusa e non è più possibile conferire i rifiuti. Quest’ultimo aspetto lo riteniamo molto grave”. Un disservizio che alimenta anche il fenomeno deprecabile degli abbandoni. Il cui recupero è poi pagato caro e salato dai cittadini che pagano la tassa rifiuti.

Luca Degrandi