Mortara: cassonetti imballati e vunciòn scatenati

“Tassa rifiuti? Altro che aumento, noi vogliamo lo sconto!”. E’ una delle frasi pronunciate con maggiore frequenza dai molti cittadini che nelle ultime settimane non possono fare altro che denunciare lo stato disastroso in cui si trovano i cassonetti del verde di tutta la città. Stracolmi, rotti, e ricettacolo di ogni tipo di rifiuto. Un disastro completo. E sotto accusa finisce il Clir e l’amministrazione. Insomma, il solito siparietto tragicomico che si ripete praticamente ogni estate. Tutti sanno che la produzione di sfalci aumenta. Tutti capiscono la necessità che i cassonetti vengano svuotati regolarmente e con frequenza. Eppure no, questo non accade. Mai. E l’unico modo per ottenere un intervento sembra essere quello di affidarsi alla pubblica piazza, rigorosamente virtuale. Infatti la denuncia fotografica sui social molte volte porta allo svuotamento del cassonetto e alla rimozione dei rifiuti di varia natura che spesso fanno da corollario all’improvvisata discarica urbana. Negli ultimi giorni degli affezionati lettori hanno segnalato la situazione di degrado in via Marzotto e in via Repubblica Ossolana. Più “fortunati”, per cosi dire, i residenti di via Martiri di Belfiore. Dopo aver segnalato inutilmente a Clir lo stato disastroso dei cassonetti, li hanno visti svuotare solo dopo aver messo una foto su Facebook.

Luca Degrandi