La scuola paritaria “Regina Pacis” sconta l’intera retta di marzo a tutte le famiglie

MORTARA - Se aprile sarà il mese buono per il ritorno tra i banchi è ancora presto per dirlo. Intanto però la scuola paritaria “Regina Pacis” del rione San Pio X mette a segno un primo aiuto concreto alle tante famiglie che mandano i propri piccoli all’asilo di via Belvedere. Il mese di marzo, che sicuramente non vedrà nemmeno un giorno di frequentazione in classe, verrà interamente scontato sulle rette successive. Negli scorsi giorni, infatti, il presidente della cooperativa Start che gestisce la struttura mortarese, Claudio Colombo, ha inviato una lettera a tutte le famiglie, confermando la volontà della scuola di scontare interamente la retta mensile (135 euro per le tre sezioni della scuola dell’infanzia e 250 euro per la sezione del nido “Primavera”) applicando tariffe ridotte nelle successive scadenze. “In questo difficilissimo momento - scrive Claudio Colombo - che coinvolge tutte le famiglie a livello globale, è doveroso tenervi aggiornati rispetto all’evolversi della situazione scolastica dei vostri figli. La situazione è molto delicata e, per gli enti gestori di scuole private paritarie, molto complessa nella sua ordinaria gestione. Start - Gestione Scuole sta collaborando con diversi consulenti e ha stipulato accordi con le organizzazioni sindacali territoriali per aderire ai Fondi di Integrazione Salariale così da garantire lo stipendio a tutti gli operatori coinvolti nel mondo scolastico che, ad oggi, non possono svolgere le proprie mansioni per decreto ministeriale”. Ma dello stipendio delle insegnanti, almeno nel mese di marzo, non dovranno farsi carico le famiglie, che vedranno la retta mensile interamente scontata nelle quattro mensilità da qui al termine dell’anno scolastico. “Per agevolare le famiglie - conferma Claudio Colombo - abbiamo quindi deciso di scontare completamente la retta del mese di marzo dilazionandola nei mesi che rimangono sino alla chiusura dell’anno scolastico/educativo”. Le nuove rette in vigore, fino alla fine dell’anno scolastico, saranno dunque di 102 euro mensili per la scuola dell’infanzia (dai 3 ai 5 anni di età) e di 188 euro per la sezione “Primavera”, quella frequentata da bimbi dai 2 ai 2 anni e mezzo. “Non nascondiamo - conclude il presidente della cooperativa - che per un Istituto Scolastico Privato, che basa la propria attività sugli introiti diretti delle famiglie, la situazione è molto preoccupante, ma siamo certi che, con l’aiuto di tutte la parti coinvolte, si potrà tornare operativi più forti e motivati di prima”. Ma nonostante lo stop forzato all’attività in classe, il Regina Pacis non si ferma completamente. “Siamo in costante contatto - spiega la coordinatrice didattica Beatrice Ganguzza - con i nostri bambini, suggerendo a distanza piccole attività da poter svolgere a casa”. La scuola resta comunque a disposizione delle famiglie per ogni necessità, comprese le iscrizioni per il prossimo anno, all’indirizzo reginapacismortara@startscs.it.