La medicina perde il professor Eugenio Inglese: il virus uccide il padre della Chirurgia nucleare

MORTARA – Addio a Eugenio Inglese. Il medico mortarese è morto sabato scorso, 21 marzo, a Novara all’età di 75 per il Coronavirus. A renderlo noto è stata l’azienda ospedaliera, dove il professor Inglese era ricoverato, e proprio all’ospedale Maggiore Eugenio Inglese è stato primario per 20 anni, a partire dal 1990, di Medicina Nucleare. Classe 1945, Eugenio Inglese si era laureato all’Università di Pavia poi, per un decennio dal 1980 al 1990, ha prestato servizio al Niguarda di Milano. E’ stato di fatto uno dei padri della Cardiologia nucleare e ha contribuito alla ricerca medico-scientifica con numerosi studi. Eugenio Inglese proveniva da una famiglia votata alla Medicina: il padre Vittorio era stato medico di base, il fratello Luigi è direttore scientifico di Interventistica Cardiovascolare al Policlinico di Monza, mentre la sorella Annalisa è stata medico di base a Mortara. Alla sua passione per la medicina, Eugenio Inglese ha abbinato quella per le motociclette. Esperti del settore lo hanno considerato come uno dei migliori “tester” delle due ruote a cavallo tra gli anni ‘70 e ‘80. La passione per le due ruote lo ha portato a partecipare anche a diverse competizioni e una volta raggiunta l’età della pensione, nel 2010, si dedicava a restaurare motociclette. Una passione che lo ha legato al figlio minore Carlo, che nel 2008, a soli 24 anni, ha perso la vita in un drammatico incidente a Parona: la moto del giovane e un’auto, con a bordo due persone, si erano scontrate non lasciando scampo a nessuno dei coinvolti nello schianto. Toccante il saluto di Eugenio Inglese, raccolto dall’Informatore Lomellino durante i funerali del figlio Carlo: “Aiutaci a credere in una vita migliore, ad essere più veri ed altruisti. Sii l’angelo custode di tutti noi, di tutti i giovani che affrontano quotidianamente i pericoli della strada. Ti voglio bene per come mi hai fatto tribolare, per come mi hai saputo amare”. Ora Carlo e Eugenio Inglese sono nuovamente insieme.