La Costanza torna da Padova con due titoli di Campione italiano grazie a Labò e Amato

PADOVA - La Costanza travolgente alle finali nazionali del Campionato individuale Gold e di specialità.

La società presieduta da Vittorio Massucchi torna dal Veneto con altri due titoli da mettere in bacheca: Davide Labò e Andrea Amato si laureano campioni italiani di specialità, rispettivamente a corpo libero e parallele. Per Amato, categoria Senior, si aggiunge anche il secondo posto assoluto alla sbarra, con la medaglia d’argento.

“Complimenti ai ginnasti - è un entusiasta Vittorio Massucchi - ma anche al nostro allenatore Paolo Pedrotti. Lui ha saputo preparare i ragazzi per affrontare competizioni di altissimo livello in pochissimo tempo, dopo il lungo ma doveroso stop per il lockdown”.

A Padova La Costanza ha ottenuto ottimi risultati anche con gli altri suoi atleti in gara. A rompere il ghiaccio, nel weekend scorso, tocca a Luca Lino Garza, il ginnasta costanzino che ormai frequenta stabilmente il Centro tecnico federale di Milano. Garza si cimenta nella gara All-around, quella in cui si devono affrontare tutti gli attrezzi e chiude la sua finale con il terzo gradino del podio nazionale, confermandosi una delle realtà più promettenti del panorama italiano.

Terzo posto anche per Davide Saini, che nella categoria Junior 3 ottiene la medaglia di bronzo nella specialità del corpo libero. Podio anche per il capitano della squadra mortarese, il veterano Luca Corsico, che tra i Senior si piazza al terzo posto al corpo libero. Si ferma invece alle qualifiche il cammino verso le finalissime per Antonio Sammarco. Ma i due risultati più brillanti sono ovviamente i due titoli azzurri. Davide Labò porta in scena una finale praticamente perfetta, con lo straordinario primo posto e conseguente titolo di Campione italiano al corpo libero, per la categoria Junior 2.

Il bottino costanzino non si ferma a uno per La Costanza, che evidentemente dimostra di essersi messa in viaggio per Padova con il chiaro intento di giocare un ruolo da protagonista alle finali nazionali. Il risultato ottenuto forse va anche oltre le aspettative dell’allenatore Paolo Pedrotti, che può nuovamente esultare quando anche Andrea Amato segue Labò tra i campioni italiani 2020: la sua medaglia d’oro tra i Senior alle parallele solo per un soffio non ha fatto il paio con quella alla sbarra, dove il ginnasta di categoria si è dovuto accontentare, si fa per dire, soltanto del secondo posto e del titolo di vice-campione. Ora in casa La Costanza si torna a guardare alle competizioni a squadre. Nel prossimo fine settimana, a Napoli, la terza e ultima prova di Serie A2 prima delle final six. Proprio nel weekend di febbraio in cui scoppiava il focolaio di Codogno, ad Ancona la squadra diretta da Paolo Pedrotti vinceva la seconda prova del campionato. Ma ora è cambiato tutto. A cominciare dagli atleti stranieri che non saranno della partita.

Riccardo Carena