La Costanza, Luca Lino Garza si conferma un talento azzurro nella specialità del volteggio

FERMO - Nel weekend scorso 4 e 5 giugno, La Costanza è scesa in pedana con i propri campioni nell’ultima importante gara prima della pausa estiva.

A Fermo infatti si è tenuta la gara di Coppa Campioni. Si tratta di uno degli appuntamenti più attesi dai ginnasti della sezione maschile. Nel corso degli anni è diventata una gara partecipata, combattuta e molto sentita. Perché non è soltanto uno dei “classici” del calendario nazionale federale, ma perché mette in palio molto per tutti gli atleti dei grandi attrezzi. Infatti, è una delle competizioni che consentono la qualificazione per i Campionati Italiani Assoluti 2022.

In rappresentanza della società mortarese, hanno gareggiato in questa importante competizione nazionale Davide Saini e Luca Lino Garza. Entrambi hanno gareggiato nelle loro specialità per attrezzo.

È il ginnasta più esperto a regalare l’ultima grande gioia prima della pausa estiva, Luca Lino Garza (nella foto), infatti, conquista uno straordinario terzo posto nella specialità del volteggio dopo aver eseguito due salti magistrali, solo una leggerissima sbavatura nel primo dei due salti presentati in gara non ha permesso al ginnasta mortarese di aggiudicarsi il titolo in questa specialità.

Il ginnasta si era aggiudicato le finali eseguendo gli stessi salti nella giornata di qualifica del sabato, terminate al secondo posto a pochissimi decimi dal primo. L’allenatore Paolo Pedrotti oltre ad essere soddisfatto ricorda che: “Luca, che si allena al Centro tecnico federale di Milano, sia uno dei ginnasti italiani più forti in questa specialità, presenta due salti di enorme difficoltà tecnica, e in questa gara portava per la prima volta in pedana un salto estremamente difficile che fino a questa competizione aveva provato solo in allenamento. Luca si conferma così uno dei massimi talenti in questa specialità nel panorama nazionale”.

Più sfortunato invece nella specialità del corpo libero dove non riesce ad accedere alla finale per un errore.

Nella stessa specialità del corpo libero anche Davide Saini, manca la finale per pochi decimi, dopo un esercizio di grande livello tecnico, sfortunatamente sporcato da una piccola imprecisione. Per Davide era la prima partecipazione in questa importantissima competizione.

Riccardo Carena