La biblioteca civica è prontaa ripartire, ma... uno alla volta con guanti, mascherine e gel

La biblioteca civica Francesco Pezza (nella foto) di Mortara è pronta per la Fase 2. Le regole che consentiranno l’accesso degli utenti in totale sicurezza sono state discusse e approvate con l’amministrazione comunale. In Fase 2 si potrà accedere al servizio di prestito e restituzione libri uno alla volta, muniti di guanti e mascherina. Per le fasce di popolazione più deboli sarà invece consentito il prestito a domicilio a cura del personale. I libri restituiti, prima che vengano riposti sugli scaffali e tornino ad essere disponibili per altri utenti, dovranno essere lasciati da parte, in una zona ben arieggiata della biblioteca per 72 ore, per evitare che il virus possa diffondersi tramite carta. All’ingresso si invitano tutti gli utenti a usufruire del gel igienizzante per le mani in dotazione della Francesco Pezza. Rimarrà accessibile soltanto il piano terra della biblioteca e verranno chiusi tutti gli spazi in cui possono avvenire assembramenti, ovvero area bimbi, sala ristoro e sale studio. Sarà possibile consultare materiali in sede solo su appuntamento e in un’area ben definita e sarà permesso l’utilizzo dei computer una persona per volta e in un’unica postazione, previo appuntamento e soltanto per motivi di studio o consultazione di banche dati. Non sarà invece possibile la consultazione di giornali e riviste cartacei, ma sarà consentita la consultazione digitale. Non si potranno utilizzare le cuffiette e i tablet in dotazione della biblioteca e naturalmente è vietato qualsiasi assembramento all’interno dei locali. “Con questo regolamento – spiega la responsabile Antonella Ferrara – tutti i cittadini potranno ricominciare poco per volta a utilizzare un servizio pubblico che fa parte della nostra quotidianità. Ultimamente abbiamo continuato ad acquistare nuovi libri cartacei, oltre a quelli digitali che vanno ad arricchire il catalogo MLOL. Quindi troverete anche le novità librarie uscite e riedite in questo periodo. Detto questo, andrà avanti anche il prestito interbibliotecario e continueremo in futuro a potenziare le risorse digitali della biblioteca. Vorrei raccomandare agli utenti che portano libri a casa di mantenere un atteggiamento responsabile, di non bagnarsi le dita con la saliva per voltare le pagine e di non tossire o starnutire”.

Massimiliano Farrell