Il rilancio di Vigevano passa da grandi eventi e turismo, ma ora servono le infrastrutture


VIGEVANO – Come rilanciare il commercio vigevanese? In che modo consentire la ripresa delle varie attività economiche presenti in città? Nunzia Alessandrino, assessore con delega alle attività produttive e commerciali, ha voluto illustrare e rendere noto il grande impegno mostrato dall’amministrazione per supportare e sostenere le imprese cittadine. Quest’ultime notevolmente colpite dalla grave crisi economico-sanitaria che stiamo attraversando. “Per ripartire – spiega Nunzia Alessandrino – sarà necessario un adeguato intervento da parte dello Stato, che dovrà concedere una serie di aiuti nettamente superiori rispetto a quelli riconosciuti finora alle attività economiche. Come amministrazione, ci stiamo adoperando, così come ci siamo impegnati lo scorso anno, nel realizzare importanti eventi di varia natura. Con lo scopo di attirare un gran numero di turisti, sia dal territorio, sia da altri luoghi. Grandi manifestazioni, volte a catturare l’attenzione di tante persone. Le quali, con la propria presenza in città, potranno contribuire a supportare il lavoro degli albergatori, dei ristoratori e dei vari commercianti. Esistono tanti bed and breakfast, alberghi e ristoranti che necessitato di essere rilanciati. Il 2021, infatti, non è stato semplice né per l’economia vigevanese, né per quella nazionale, né tanto meno per quella mondiale. Ciononostante, l’amministrazione ha fatto ricorso ad una serie di eventi dalla grande rilevanza turistica. Al fine di ospitare quante più persone possibili, dando quindi sostegno all’economia locale. Ad esempio, i concerti nel castello Sforzesco organizzati la scorsa estate, hanno registrato un afflusso di migliaia di persone”. La tematica legata al rilancio del commercio cittadino continua a rivestire un ruolo di prim’ordine anche nel corso delle prime settimane del nuovo anno.

“Lo Sportello unico per le attività produttive – prosegue l’assessore Alessandrino - si è molto adoperato a favore delle imprese locali nel periodo della pandemia. Autorizzando i vari esercizi commerciali, impossibilitati a consentire l’accesso ai clienti all’interno delle proprie sedi, ad occupare le parti antistanti ai rispettivi esercizi. Inoltre, il distretto unico del commercio, di cui il Comune di Vigevano è capofila, attraverso due bandi, ha erogato importanti somme di denaro a favore delle imprese commerciali, che hanno aderito ai medesimi. Al fine di favorire una maggior crescita dell’economia cittadina, è indispensabile il miglioramento della viabilità che conduce a Vigevano. Per la quale, da alcuni anni, l’amministrazione si sta adoperando e, già nel corso del 2022, si dovrebbero sbloccare alcune situazioni di stallo delle infrastrutture. Come il Nuovo Ponte sul Ticino, elemento essenziale per dare inizio anche ai lavori per la realizzazione della Superstrada Vigevano-Malpensa. Un ulteriore aiuto concesso alle attività della nostra città, a cura dell’amministrazione e dalla società Asm Energia, ha riguardato le festività natalizie degli ultimi due anni. Nel corso delle quali, sono state installate le luci a tema natalizio nel centro storico, a carico esclusivo del Comune e di Asm Energia. Per l’anno in corso, siamo partiti dalle infrastrutture, elaborando un nuovo regolamento riguardante l’occupazione esterna delle attività commerciali, con un lavoro condiviso con le stesse. Al fine di garantire un maggior decoro alla città. Le autorizzazioni concesse sulla base del nuovo regolamento, avranno durata quinquennale, senza obbligo di rinnovo: un elemento fortemente agevolativo per le imprese”. Infine, uno sguardo rivolto alle iniziative che verranno promosse nei prossimi mesi. “A breve – rende noto Nunzia Alessandrino - uscirà una manifestazione di interesse, destinata a coinvolgere coloro che intenderanno organizzare eventi commerciali in città. A supporto delle imprese cittadine, auspichiamo in un intervento da parte del legislatore centrale, volto a ridurre costi di gestione delle utenze essenziali, ultimamente gravemente aumentati. In qualità di assessore al commercio, invito le attività che commerciano generi alimentari, ad aderire alla campagna dei buoni spesa che il Comune mette a disposizione delle categorie economicamente fragili. Invito inoltre queste ultime, a valutare l’adesione all’iniziativa “Compravicino”, nata dal lavoro del distretto unico del commercio. Per mezzo della quale le stesse possono creare i propri negozi online, in modalità del tutto gratuita, raggiungibile attraverso il link: www.compravicino.com”.