Il Pool Mortara Sport fa ritorno nelle scuole con i progetti alla Marzotto e alle elementari

MORTARA - Il Pool torna a scuola. In senso letterale. Perché a mesi di distanza dall’ultima volta, per i motivi noti a tutti, sono riprese nei giorni scorsi le lezioni di educazione motoria a cura dello staff tecnico alle scuole elementari e alla scuola dell’infanzia dell’asilo Marzotto, alla quale si riferisce la foto. Alla primaria “Teresio Olivelli”, invece, la campanella dell’ora di ginnastica per tutte le classi ha ripreso a suonare lo scorso lunedì 25 gennaio. Ma l’aspetto fondamentale è che, per quest’anno scolastico, i progetti di educazione motoria che intercorrono tra le due strutture scolastiche e il Pool Mortara Sport sono a costo zero. “Ci siamo offerti - spiega la presidente del sodalizio Ilaria Dolara - di prestare gratuitamente i nostri servizi sportivi, che consistono in lezioni di educazione motoria di base per bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria, tenuti da personale qualificato dello staff tecnico del Pool Mortara Sport. Si tratta di giovani laureati o laureandi in Scienze motorie”. La prima lezione per i piccoli dell’asilo Marzotto si è svolta lo scorso venerdì, mentre alle elementari la ginnastica è ripresa già dal 25 gennaio. Quest’anno però ci sarà soltanto un’ora di educazione motoria ogni due settimane per gli studenti della “Teresio Olivelli”, anziché la canonica ora settimanale. Una scelta dolorosa, dettata però da problemi di spazi e di...Covid. Per rispettare le normative che prevedono la sanificazione degli ambienti dopo ogni utilizzo, infatti, è stato necessario dimezzare il monte ore di utilizzo della palestrina, per consentire le operazioni di pulizia e igienizzazione tra una classe e l’altra. Per questo motivo il tempo effettivo in cui l’unico spazio dedicato all’attività fisica della scuola, fatta eccezione per il cortile, si riduce notevolmente. Tuttavia, anche se solo per un’oretta ogni quindici giorni, l’educazione motoria torna a essere parte integrante del percorso educativo dei bambini mortaresi. Anche grazie al Pool.

Riccardo Carena