Hockey: da Roma poche idee, ma confuse. Scudetto a tavolino? Non scherziamo!

CASTELLO D’AGOGNA - Anche l’hockey è al palo con meno di metà del campionato giocato. Pare difficile programmare un ritorno sui campi e un’eventuale stesura della classifica. In questo senso, la maggior parte dei club è concorde sul fatto di rimandare la stagione, ma dai piani alti sorgono dubbi in merito. “La Federazione ha comunicato la cristallizzazione delle classifiche – racconta Stefano Angius (nella foto), allenatore della Cgr Bonomi - anche se non abbiamo compreso quelle che potrebbero essere le ripercussioni per il prossimo anno sportivo”. A susseguirsi sono state anche le tante voci che parlavano di uno scudetto assegnato all’Amsicora, e anche qui non si placano le polemiche e i contraddittori. “Non abbiamo terminato nemmeno l’andata, quindi sono in disaccordo riguardo all’assegnazione a tavolino del titolo. – commenta l’allenatore biancoverde - Credo che si debba anteporre un principio di etica sportiva nelle decisioni, per ovvi motivi nessuno ha potuto guadagnarsi sul campo determinati risultati”. La palla resta nelle mani della Federazione. I pochi e confusi comunicati fin qui diramati non bastano per chiarire le perplessità delle squadre che chiedono chiarezza a gran voce. E in fretta.