Gravellona, il cascinale all’asta per appena 500 euro: martedì si decide

GRAVELLONA - Una nuova scuola per il paese all’interno di un cascinale. A stabilirlo sarà l’asta di martedì 2 agosto. Il primo grande evento dell’amministrazione di Luciano Garza riguarderebbe proprio l’istruzione. Un passo avanti per tutta la Lomellina.

Un Istituto tecnico superiore potrebbe nascere dalle ceneri dell’associazione Y25. Il primo progetto non era andato in porto. Un cascinale diroccato in via Circonvallazione 28 era stato donato al Comune.

La ristrutturazione era avvenuta, ma nulla è stato dell’associazione che avrebbe dovuto occupare il plesso. Non si può restare con le mani in mano.

Cinquecento euro come base d’asta, e le vive speranze, da parte dell’aministrazione, di fare la differenza sul e per il territorio. Si punta all’“agrifood”, alle tecnologie per l’agricoltura alimentare. Questo già in origine, e ancora più nel caso in cui a vincere sia proprio un’associazione che di questo ambito si occupa.

“Già a livello regionale - anticipa il sindaco Luciano Garza - arriverebbero finanziamenti per lo sviluppo agroalimentare. Sul nostro territorio è necessario anche solo per l’attuale situazione climatica. I corsi di specializzazione offerti dagli Its sono pionieristici. Al di là della formazione professionale, si rivolgono al progresso nel futuro”.

Difficilmente ci saranno molte offerte. Bisognerebbe piuttosto capire le conseguenze di una tale entrata in scena. Nel caso dell’avvento di un Its, l’unica opzione seriamente considerata dal sindaco per quanto riguarda l’asta, il paese stesso dovrebbe adattarsi. L’arrivo di numerosi studenti, nel giro di tre anni, potrebbe rivoluzionare la composizione stessa del paese. I corsi inizierebbero dalla fine di settembre in poi, con tutte le conseguenze del caso. Per gli alunni dovrebbero comparire almeno degli alloggi che possano ospitarli, se provenienti da fuori. Si tratterebbe di una ondata demografica. E la stessa valorizzazione del territorio giustifica il potenziale di un progetto simile.

“Gravellona ha attrattiva per le imprese - ribadisce Luciano Garza -, si trova ad una distanza minima da ben quattro province importanti: Pavia, Milano, Novara e Vercelli. Un incentivo ulteriore per aumentare l’attrattiva, soprattutto per gli studenti provenienti da lontano, potrebbero essere le borse di studio per il merito”.

Tutte ottime idee, ma senza certezze effettive, almeno fino alla chiusura del bando di lunedì primo agosto, ed il seguente esito.

“Abbiamo già sentito alcune delle fondazioni - ha tuttavia aggiunto il primo cittadino -, che si sono dimostrate interessate alla possibilità che stiamo offrendo”.

Il carico economico per le spese sarebbe minimo per il Comune. Sarebbe poi l’ente di turno a gestire, col proprio patrimonio ed i bandi regionali, le questioni finanziarie.

Gabriele Tocchio