Evita il frontale e finisce fuori strada: i carabinieri gli trovano in auto il fucile rubato

MORTARA – Fa un incidente in auto e i carabinieri scoprono nel bagagliaio un fucile rubato. Guai per un operaio con precedenti di 24 anni, residente a Tromello. Nel pomeriggio di mercoledì scorso intorno alle 14 e 30 si trovava sulla provinciale 596 tra Mortara e Remondò a bordo della sua Mercedes. Il tentativo di sorpasso di un altro veicolo non è andato a buon fine: per evitare lo scontro frontale con una vettura che arrivava dalla direzione opposta, è uscito di strada. Le sue ferite sono state lievi, tuttavia i carabinieri, durante le operazioni di recupero dell’auto, hanno notato una cartuccia inesplosa da caccia calibro 12. Un ritrovamento che ha spinto i militari ad approfondire la perquisizione. Non sbagliavano. Nel baule della Mercedes c’era un fucile semiautomatico Beretta (nella foto), calibro 12, con le canne segate e rese mozze e una cartuccia esplosa. L’arma è risultata essere intestata a un 72enne croato, pensionato, residente a Gambolò, e provento di un furto non denunciato. Il ragazzo non ha saputo spiegare come mai l’arma si trovasse proprio lì neanche nella serata dopo l’incidente, quando si trovava alla stazione dei carabinieri di Mortara. Così questi ultimi lo hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione illegale di armi da sparo, alterazione di arma e ricettazione. Il tromellese, con precedenti di polizia, è stato poi trasferito agli arresti domiciliari.