Da “Le mille e una pagina” i libri a domicilio e dall'estate la libreria sarà anche casa editrice

In queste settimane di quarantena, la lettura di un buon romanzo è indispensabile per affrontare le giornate. I libri, però, non vengono considerati beni di prima necessità e la libreria Le Mille e Una Pagina, in linea con le direttive ministeriali, deve restare chiusa fino al 3 aprile. Ma se in questi giorni il cliente per legge non può andare ad acquistare i libri, allora sarà la libreria a portarli nelle case. Le proprietarie Laura Fedigatti e Lia Maffi hanno infatti lanciato la proposta di venderli a domicilio, naturalmente nei limiti del possibile e in base alle richieste dei singoli clienti, mettendo così la loro grande generosità a disposizione della città di Mortara. Oltre a questa geniale iniziativa, le libraie si stanno dando da fare in molti altri ambiti. Gli incontri con il gruppo di lettura procedono su Skype e non mancano i numerosi consigli di lettura offerti sulle pagine social. Ma il bello deve ancora venire, perché Laura Fedigatti e Lia Maffi hanno un asso nella manica che si giocheranno in estate e con cui sono pronte a stupire tutti. Le Mille e Una Pagina non sarà più soltanto una libreria, ma diventerà ben presto anche una casa editrice. “Da quando abbiamo aperto – rivelano Laura Fedigatti e Lia Maffi – abbiamo sempre avuto il desiderio di diventare anche casa editrice del territorio. Le Mille e Una Pagina Editore si occuperà di pubblicare libri di qualità incentrati sulla storia locale oppure opere di narrativa scritte da autori della zona. Abbiamo aspettato a lungo prima che arrivasse il romanzo giusto per lanciare il progetto. Finalmente questo momento è arrivato ed entro l’estate saremo pronte anche per questa sfida”. Senza dubbio l’iniziativa di avere una casa editrice mortarese è geniale, e tutto si deve al loro grande spirito creativo e alla loro grinta. “La mia collega libraia Elisabetta Balduzzi – ci tiene a ricordare Laura Fedigatti – ha fatto una cosa simile a Voghera. Lei e suo figlio Alessandro hanno fornito davvero un grande contributo per la realizzazione del progetto qui a Mortara”. L’annuncio della chiusura della libreria lo scorso 12 marzo è stato affidato alle pagine social, dove le libraie hanno rivolto un messaggio di incoraggiamento e di speranza ai loro clienti. “Noi siamo qui vicine a voi – ribadiscono Laura Fedigatti e Lia Maffi nel video – e in questi giorni potete contattarci per prenotare libri da ritirare quando l’emergenza sarà finita o che recapiteremo a casa vostra, se possibile. Nel frattempo abbiamo già contattato diversi autori che non vedono l’ora di venire a trovarci al più presto. Siate positivi perché andrà tutto bene”. Insieme al messaggio motivazionale, le libraie hanno voluto lanciare anche un monito. “Spero che non vi convertiate tutti ad Amazon – concludono Laura Fedigatti e Lia Maffi – perché noi librai italiani avremo assolutamente bisogno di voi”.