Coronavirus, non rispettavano ordinanze e decreti: denunciati 160 pavesi e 17 titolari di negozi

PAVIA – Duemila persone passate al setaccio, 160 denunciati. Nelle rete dei controlli relativi agli esercizi commerciali sono stati controllati 647 negozi e in 17 casi il titolare è stato denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità. Sono questi i numeri dei controlli disposti dalla Prefettura e messi in campo dalle Forze dell’Ordine durante la scorsa settimana. I controlli si sono svolti sul rispetto della normativa in materia di prevenzione del contagio da Covid-19 pianificati dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi lo scorso 9 marzo presso la Prefettura di Pavia. La riunione si era svolta all’indomani dell’entrata in vigore dei Dpcm 8 e 9 marzo che hanno introdotto delle rafforzate misure di contenimento dell’epidemia, prevedendo la limitazione della circolazione delle persone fisiche nei soli casi giustificati da esigenze lavorative, di salute o in caso di stretta necessità, nonché la chiusura di alcune tipologie di attività commerciali, misura quest’ultima poi estesa con l’entrata in vigore del decreto del Presidente del Consiglio 11 marzo 2020. Alla luce delle decisioni adottate dal Governo, il Comitato provinciale ha tempestivamente provveduto a predisporre un piano di controllo, a cura delle Forze dell’Ordine con la collaborazione delle Polizie Locali, per garantire l’efficacia delle misure contenitive.

Per quanto concerne il monitoraggio sugli spostamenti, grazie ad un accurato studio sulla mobilità interprovinciale, sono state individuate le arterie viarie della provincia sulle quali concentrare le verifiche che vengono svolte, secondo le competenze individuate in sede di Comitato, da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizie Locali.

Nel corso della scorsa settimana sono state controllate 2.000 persone, di cui 112 denunciate per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, 39 denunciate per falsa attestazione o dichiarazione a pubblico ufficiale o false dichiarazioni sull’identità o su qualità personali proprie o di altri e 9 persone denunciate per altri reati.

Analoghi controlli sono stati disposti sugli esercizi commerciali, al fine di verificare il rispetto delle sospensioni di attività disposte con i recenti decreti adottati dal Governo.

In particolare, sono stati controllati 647 esercizi e in 17 casi il titolare è stato denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

Le attività proseguiranno nei prossimi giorni per garantire l’efficacia delle misure adottate per contenere la diffusione dell’epidemia da Coronavirus, nella piena consapevolezza che, come sottolineato più volte dai massimi esperti in materia sanitaria, il rispetto delle misure di profilassi e delle restrizioni imposte è l’unico strumento idoneo a ridurre i contagi, e nell’altrettanto assoluta certezza del grande impegno che le Forze di polizia, in prima linea, stanno profondendo per garantire il rispetto delle regole, a tutela della salute di tutti.