“Conosci davvero la tua terra?” Oggi l’ultimo appuntamento con Lucia Vullo e il cibo di qualità

Ultimo incontro per questo 2021 con la rassegna di storia locale ‘Conosci davvero la tua terra’ organizzata dal Civico17 in collaborazione con AmiCIvico17 e altre realtà del territorio come le scuole superiori mortaresi. A raccontarci la sua storia, oggi alle 17 e 30 Lucia Vullo (nella foto), amministratore delegato di Antaar&S (Analisi, Tecnologie Alimentari, Ricerca & Sviluppo) con sede a Cava Manara.

Originaria della Sicilia, Lucia Vullo ha vissuto per parecchi a Mortara prima di cominciare la sua carriera che l’avrebbe portata a essere amministratore delegato di un’azienda che sta facendo bene sul mercato dei cibi liofilizzati di qualità. “Dopo la laurea a Milano in scienze e tecnologie alimentari – spiega Lucia Vullo – ho lavorato per due anni alla Buitoni. Dopodiché ho deciso assieme ad un mio compagno dell’università di aprire a fine anni Ottanta un’azienda di controllo della qualità e di tutte le operazioni necessarie alla lavorazione alimentari per le medio-piccole aziende. Nel ‘95 poi abbiamo aperto la prima linea di produzione a Cava Manara, oggi ce ne sono quattro, di prodotti liofilizzati di qualità per la grande distribuzione”. I piatti dell’azienda si possono trovare in supermercati come Famila, Bennet, Carrefour e anche MD. Ogni alimento prodotto nelle linee di produzione viene accuratamente selezionato a partire dalla selezione del fornitore al controllo costante di ingrediente, materiale di confezionamento e prodotto concluso. “All’epoca – conclude Lucia Vullo - non esistevano ancora i protocolli HACCP. Una volta che invece sono stati definiti per tutti non aveva senso continuare sulla via. Abbiamo così fatto uno step successivo iniziando noi a produrre. Abbiamo sempre analizzato attentamente il mercato. E in quell’anno abbiamo deciso subito di optare per il private label, nonostante significasse un maggior impegno economico. Dunque non ci siamo appoggiati ad altre realtà ma siamo partiti con le nostre forze per poi vendere alla grande distribuzione. A oggi abbiamo 285 codici prodotto differenti e 50 dipendenti. Per la parte di logistica ci affidiamo a una società a 7km da noi, non abbiamo abbastanza spazio per conservare tutte le merci prodotte. Anche la parte di comunicazione sui social viene gestita da aziende esterne”. I prodotti premium dell’azienda si trovano nella grande distribuzione sotto il brand Arnaboldi. Sotto il brand Arnaboldi sono compresi sia cibi tradizionali italiani come risotti, polente o zuppe sia prodotti etnici come i noodles e le nuvole di drago. La conferenza si terrà in sala Rotonda. Al solito è consigliabile prenotare un posto chiamando lo 038491805. È necessario accedere alla biblioteca con la Certificazione Verde Covid.

Vittorio Orsina