Comunali 2022: il futuro secondo ViviAmo Mortara? Alla città servirebbe un Draghi...

Cercasi un Mario Draghi in salsa mortarese. I portavoce della lista civica ViviAmo Mortara hanno le idee chiare per il futuro della città, ma non hanno un candidato sindaco per l’anno prossimo.

I membri della lista, inoltre, vorrebbero costruire un progetto insieme ai cittadini attivi della città, e guardano con interesse alle realtà associative di Mortara, in particolare a “La Mortara che Vorrei”. “Alle prossime elezioni amministrative – rivelano i rappresentanti di ViviAmo Mortara Michele Mazzitello (nella foto) e Franco Manzini – vogliamo correre da soli. Non vogliamo appoggiare nessun partito, e non abbiamo intenzione di ripetere gli stessi errori del passato.

Inoltre, esprimeremo gli assessori già nella fase preparatoria della lista, così al momento del voto gli elettori sapranno già chi andranno a votare e per quale ruolo. Il prossimo sindaco dovrebbe essere una figura super partes, una persona competente, un manager che sia in grado di prendere in mano e di rimettere a posto l’azienda-comune. Purtroppo, in questo momento non abbiamo ancora una figura di questo calibro da poter proporre come candidato sindaco. Le liste civiche nascono perché le persone sono stanche di sostenere le false promesse dei partiti e le loro logiche elettorali. Ci vorrebbe una super lista di cittadini attivi e impegnati con un sindaco super partes. Sarebbe auspicabile il coinvolgimento di tutte quelle realtà associative che si impegnano per migliorare la città e proporre iniziative”.

Massimiliano Farrell