Cilavegna: prima minaccia l'ex fidanzata e poi le incendia il magazzino, arrestato


CILAVEGNA – Prima minaccia l’ex fidanzata e poi le incendia il deposito di materie plastiche. I carabinieri della stazione di Gravellona, nella serata di ieri, giovedì 19 agosto, hanno fatto scattare le manette ai polsi di un 31enne di Cilavegna che ora si trova nel carcere di Torre del Gallo.

Il 31enne, secondo la ricostruzione dei fatti, da circa due mesi perseguitava l’ex fidanzata con messaggi vocali, minacce e pedinamenti. Questa attività si era intensificata dallo scorso 14 agosto, quando le azioni sono sfociate in veri e propri raptus di gelosia. Ieri sera, dopo le ultime minacce, il 31enne si è recato nel magazzino dell’ex fidanzata e, dopo aver sfondato il portone di ingresso, lo incendiava provocando la distruzione di tutto il materiale in esso contenuto e l’inagibilità dello stabile. La donna, resasi rendeva conto che l’uomo si allontanava allertava 112 e Vigili del Fuoco.

A seguito della querela sporta dalla vittima i militari intervenuti rintracciavano il soggetto presso la sua abitazione e lo traevano in arresto per incendio doloso, segnalandolo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pavia anche per gli atti persecutori in atto da tempo. Le fiamme sono state domate dai Vigili del Fuoco del Distaccamento di Vigevano con il supporto dell'Autobotte dei Vigili del Fuoco Volontari di Mortara. Entrambe le squadre hanno utilizzato attrezzature specifiche come gli autorespiratori e lance idriche con getto variabile. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della Polizia Locale. Le operazioni di spegnimento si sono protratte fin dopo le 23.