Ceretto: il sindaco Cattaneo arriva in Turchia, racconta in tv il caso del paese senza contagi

CERETTO – La tv turca “entra”, solo metaforicamente, in un paese di 200 anime. La giornalista Deniz Kilislioglu (nella foto) di Ntv cercava centri che, finora, non hanno avuto contagi ufficiali da Covid-19. Ha trovato Ceretto. Nei prossimi giorni il volto del sindaco Giovanni Cattaneo comparirà davanti a milioni di persone. Ha mandato la risposta alle domande della giornalista filmandosi con la webcam del municipio, parlando in italiano. Una voce tradurrà in simultanea in turco. Con Cattaneo anche Roberto Francese, sindaco di Robbio, e il giornalista Davide Maniaci, collaboratore del Corriere della Sera, dell’Informatore Lomellino e dell’Informatore Vigevanese. “Cercavo Giovanni Fassina, il sindaco di Ferrera – ha raccontato la Kilislioglu – perché anche a Istanbul era arrivata la notizia del test sugli abitanti che aveva richiesto all’ospedale Mondino di Pavia. Poi ho visto che la notizia era un po’ obsoleta. Informandomi ho scoperto altre curiosità, come la volontà di Francese di effettuare test sierologici a tutti gli abitanti, l’aver già iniziato nonostante le perplessità di alcuni. E ho trovato Ceretto e i suoi “zero contagiati”. “Non posso conoscere con precisione – ha detto proprio Cattaneo nell’intervista – il motivo per il quale Ceretto non abbia contagiati. Forse essendo un paese di campagna, gli assembramenti sono comunque rari. Le persone hanno spazio”. Il primo cittadino di Ceretto, in carica dal 2016, ha poi spiegato cose che ormai sembrano ovvie a tutti. Rimanete a casa, se state male chiamate il medico, indossate le mascherine. Ma in Turchia l’emergenza è arrivata settimane dopo, e ancora devono abituarsi a queste giornale assolutamente anormali.