Calcio: ipotesi promozioni soltanto per le prime in classifica dei gironi

“Il piacere consiste nell’attesa”. In questo senso i tifosi delle squadre di Serie A non possono che essere soddisfatti dal fatto che tra pochi giorni potranno finalmente vedere all’opera i propri beniamini. Lo stesso non potranno però asserire i supporters delle compagini che militano nei campionati dilettantistici. La Federazione ha da tempo decretato lo stop definitivo delle stagioni correnti ma non ha ancora reso note le modalità e tantomeno le tempistiche entro cui ricominciare i vari campionati. Anche se è ormai cosa assodata che le categorie non professionistiche non scenderanno in campo prima della fine dell’estate. Insomma sono ancora parecchi i punti interrogativi lasciati in sospeso su cui occorre fare chiarezza al più presto. Ed è proprio quello che chiedono in coro i dirigenti, gli allenatori ma anche i calciatori delle squadre del territorio lomellino. “A breve uscirà un comunicato ufficiale – afferma il ds del Mortara Maurizio Rovida (nella foto) – e finalmente conosceremo il nostro destino. La sensazione è che verranno promosse alle categorie superiori soltanto le capoliste dei rispettivi gironi. Mi sembra la soluzione più sensata, anche perché non ci vedo nulla di male nel premiare tutte le squadre che si sono distinte per valore. Per quanto riguarda noi, non credo che riprenderemo gli allenamenti prima di settembre. Ora come ora mi preme solo organizzare una cenetta di squadra e rivedere ad uno ad uno tutti i miei ragazzi. Sono persone straordinarie, dentro e fuori dal campo. In quanto a professionalità non hanno nulla da invidiare ai giocatori di Serie A, anzi avrebbero molte cose da insegnare. In particolare la grinta e la determinazione con cui hanno sempre affrontato ogni incontro. A questo proposito sono certo che disputeremo un campionato ad alti livelli. Quest’anno ci è girato tutto storto, i pochi tiri che concedevamo agli avversari puntualmente entravano in rete e sotto porta ci siamo mangiati dei gol allucinanti. Ma a livello di organico e di gioco espresso non siamo secondi a nessuno. Ragion per cui l’obiettivo minimo per la prossima stagione sarà di agguantare la zona playoff. Mortara deve assolutamente tornare a lottare con le grandi del calcio locale e lo farà”.

Edoardo Varese