Biblioteca: Librivoro, si parte il 10 giugno nel segno di Rodari

Anche quest’anno i piccoli divoratori di libri potranno dilettarsi alla Francesco Pezza con il gioco del Librivoro, che per l’edizione 2020 è dedicato tutto a Gianni Rodari in occasione del centenario della sua nascita. La biblioteca darà il via al concorso il prossimo 10 giugno. I bimbi che partecipano potranno recarsi sul posto accompagnati dai genitori, il tutto evitando assembramenti e rispettando le norme di sicurezza anti-Covid. L’obiettivo del gioco, come gli altri anni, è il raggiungimento della casella numero 63, che può avvenire soltanto attraverso il tiro di un dado ogni volta che il bimbo completa la lettura di un libro a scelta. Chi vince, quindi, è colui o colei che legge più libri nel minor tempo. La grande novità di quest’anno riguarda in particolar modo le caselle: sul tabellone ce ne saranno parecchie con simboli riconducibili a favole di Rodari. Se il giovanissimo giocatore dovesse capitare su una di queste gli verrà consegnato un breve testo o un estratto di un brano di Rodari da leggere. Per la volta successiva gli verrà data inoltre una consegna con un’attività da fare: si spazia dal disegno al racconto, esercizi che consentono di stimolare in maniera creativa la fantasia del bambino. Chi non svolgerà il piccolo compito assegnato non potrà tirare nuovamente il dado. “Quest’anno – spiega Antonella Ferrara – non ho potuto promuovere dal vivo l’iniziativa nelle scuole elementari. Ciononostante ho contattato la dirigente scolastica che, tramite il corpo insegnanti, distribuirà i volantini ai rappresentanti di classe di modo tale che tutte le famiglie siano informate del progetto. Nonostante il Coronavirus e tutte le complicanze dovute alla situazione che stiamo vivendo, il Librivoro si fa”.

Massimiliano Farrell