Auditorium "Città di Mortara", la svolta Salsa: cinque serate da ottobre a fine anno

Mortara on stage alza il sipario scoprendo, dietro le quinte, una formula rinnovata nella forma e nella sostanza. In calendario cinque date che allieteranno le serate dei mortaresi da fine ottobre a gennaio. Si tratta di un mix di musica e teatro, con un momento di solidarietà verso i più fragili. Ma non finisce qui, infatti al termine della stagione teatrale l’auditorium continuerà ad essere sfruttato per una serie di spettacoli e appuntamento “fuori cartello”. E’ la metamorfosi voluta dall’assessore alla cultura Pierangela Salsa che ha voluto dare un’impronta più partecipata e popolare all’intera stagione dell’auditorium. Intanto il Mortara on Stage riparte da una certezza: le redini della direziona artistica restano saldamente nelle mani di Alessandro Marangoni. Si aggiunge però una commissione per l’utilizzo dell’Auditorium composta dallo stesso assessore alla cultura Pierangela Salsa, da Antonella Ferrara, da Marco Fleba e da Ezio Gé. Intanto la prima data da appuntare sul calendario è quella del 22 ottobre. Si parte alle 21 con un omaggio a Chet Baker, trombettista americano tra i più noti autori ed esponenti del cool jazz. A interpretare Baker il quintetto di Mauro Canclini con ospite Wally Allifranchini, saxofonista noto al pubblico mortarese. L’appuntamento successivo sarà il 19 novembre, sempre alle 21, con la diva del pianoforte del momento: la giovane pianista Vanessa Benelli Mosell. Star a livello internazionale, seguita dai giovani sui social, porta in scena il suo ultimo lavoro: Casta Diva, titolo del suo ultimo CD prodotto da Decca. Si tratta di un viaggio nella musica classica da Bach a Liszt passando per Debussy. Per lei sarà la prima volta a Mortara. Teatro dialettale protagonista il 3 dicembre, alle 21, con uno spettacolo pensato per essere sì momento di leggerezza ed evasione, ma anche di solidarietà. Organizzato dalla Fondazione Dopo di Noi di Mortara e di Avis Robbio avrà l’incasso della serata devoluto a Telethon per la ricerca. Serata dedicata al Natale la successiva. Il 18 dicembre, alle 21, tornano a Mortara le Christmas Carols con il Coro dell’Almo Collegio Borromeo. Assieme al Coro dei giovani studenti universitari del più antico e prestigioso collegio universitario italiano si esibirà il Coro UNIMI dell’Università Statale di Milano: entrambi diretti da Marco Berrini, tra i più noti e importanti direttori di coro presenti sulla scena internazionale. Questo concerto sarà ripreso da Rai 5 e fa parte di Meets, un importante progetto europeo di cui il Collegio Borromeo è ideatore con la direzione artistica di Alessandro Marangoni. Si tratta di un progetto che coinvolge cinque nazioni europee e diversi partner, un metodo per sviluppare le “Soft skills” attraverso l’educazione musicale per aiutare i giovani ad affrontare meglio il mondo del lavoro. Il Comune di Mortara è partner associato di questo progetto, sostenuto dalla Comunità Europea, unico comune italiano. L’ultimo appuntamento per il 2022 si terrà il 26 dicembre, alle 17 e 30, e sarà il classico Concerto di di Santo Stefano a cura di Marco Fleba e Marico Ferrari, e vedrà sul palco esibirsi tanti mortaresi in veste artistica.

Luca Degrandi